Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 14:20

Nel Foggiano arrestati sindaco e vice

Con l'accusa di concussione, abuso d'ufficio e peculato, i carabinieri della compagnia di Cerignola hanno arrestato il sindaco Ds di Margherita di Savoia e il vice sindaco
MARGHERITA DI SAVOIA (FOGGIA) - Con l'accusa di concussione, tentata concussione e peculato i carabinieri hanno arrestato il sindaco di Margherita di Savoia, Luigi Camporeale (Ds) ed il vice sindaco Giuseppe Barra (Sdi). Entrambi hanno ottenuto i domiciliari. Le indagini sono partite quando un imprenditore del posto ha denunciato le pressioni a suo dire subiti dal sindaco e dal vice sindaco, in particolare avrebbero avuto inizio nel 2005 quando primo cittadino avrebbe posto più di una difficoltà al pagamento di circa 120mila euro, per alcuni lavori effettuati dall'imprenditore, nonostante la delibera fosse pronta da alcuni mesi. E cosi l'imprenditore sarebbe stato costretto a pagare, l'affitto per la sede del partito, alcuni computer per il suo ufficio personale e anche alcuni abiti. Inoltre, secondo quanto emerso dalle indagini, sindaco e vice sindaco avrebbero chiesto all'imprenditore 20mila euro affinché alcuni terreni di proprietà dell'uomo d'affari diventassero suoli edificabili nel prossimo piano urbanistico, in corso di definizione. Camporeale e Barra sono anche accusati di peculato poichè avrebbero utilizzato, per fini personali, la benzina dei mezzi dell'Aspica, l'azienda che per conto dell'amministrazione comunale effettua il servizio di nettezza urbana. Più di una volta i carabinieri avrebbero documentato i due amministratori fare il pieno alle loro auto private. Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Gip Salvatore Casiello che ha accolto le richieste dei sostituti procuratori pressi il Tribunale di Foggia, Giuseppe Gatti ed Enrico Infante.(

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione