Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 02:59

Andria - Truffe nel commercio auto

Sono coinvolte 9 imprese con sede in Puglia, Marche, Emilia Romagna ed Umbria nell'operazione della Gdf che ha portato alla scoperta di un'evasione iva di circa 1,5 milioni € e false fatturazioni per quasi 5 milioni
Guardia di Finanza ANDRIA - I militari della tenenza della Guardia di finanza di Andria hanno scoperto una maxi evasione all'iva per circa 1,5 milioni di euro ed accertato false fatturazioni per quasi 5 milioni di euro nel corso di un'indagine nel settore dell'illecita commercializzazione di autoveicoli di provenienza comunitaria.
Nell'operazione sono coinvolte 9 imprese con sede in Puglia, Marche, Emilia Romagna ed Umbria che hanno introdotto in Italia più di 200 autovetture di grossa cilindrata nuove (Bmw, Audi, Mercedes), provenienti dai Paesi dell'Unione Europea, immatricolate con autocertificazioni falsamente attestanti l'avvenuto versamento
dell'imposta.
Inoltre 2500 articoli elettronici dichiarati in esportazione sono stati, in realtà, rinvenuti sul territorio nazionale. I 12 responsabili sono stati denunciati all'Autorità giudiziaria per associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale, truffa aggravata ai danni dello Stato, falso ideologico, frode in commercio, turbativa di mercato e appropriazione indebita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione