Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 04:17

Maxi frode da 2mln nel capoluogo pugliese

L'inchiesta della Gdf ha riguardato una ditta affermata che, attraverso 4 società estere, avrebbe venduto prodotti alimentari «in nero», per milioni di euro, sul mercato regionale
BARI - Una maxi frode fiscale di oltre 2mln è stata scoperta dai militari della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Bari, nell'ambito di indagini nel settore della commercializzazione di prodotti food e no food. L'inchiesta ha riguardato una affermata società del settore, che attraverso 4 società estere, in Spagna, Germania e Slovenia, clienti dell'azienda italiana, avrebbe venduto prodotti «in nero» sul mercato pugliese per circa 3,5mln di euro. Due persone sono state denunciate, ed uno è il titolare di una ditta di import-export italiana, completamenete sconosciuta al fisco, che avrebbe movimentato prodotti alimentari per 1,5 mln senza versare nulla all'erario. Inoltre le «fiamme gialle» hanno accertato illecite transazioni di danaro contante per 680mila euro, in violazione della normativa antiriciclaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione