Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 10:07

Castellaneta - Si allarga l'inchiesta

Per le morti sospette nel reparto di terapia intensiva, la Procura di Taranto ha fatto notificare altre 3 informazioni di garanzia • Lunedì le prime esumazioni • Revocato il mandato di direttore Ausl a Marco Urago
Castellaneta Reparto Utic CASTELLANETA (Taranto) - La Procura della Repubblica di Taranto ha fatto notificare altre tre informazioni di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sulle morti sospette nel reparto di Unità di terapia intensiva coronarica dell'ospedale di Castellaneta. Gli indagati sono Michele Ferrante, di 34 anni, Corrado Pisanelli, di 44 anni, e Martino Sartori, di 49 anni, tutti anestesisti che hanno prestato servizio nel reparto dal 20 aprile, giorno dell'inizio dell'attività, al 4 maggio, giorno in cui il reparto è stato posto sotto sequestro. Il numero degli indagati sale in questo modo a 20.
Intanto questa mattina nel cimitero di Ginosa (Taranto) verranno eseguite le autopsie sulle prime due salme riesumate di pazienti morti nel reparto Utic. Le salme sono quelle di Vincenzo Tortorella, di Laterza, e di Antonio Naselli, di Ginosa, morti il 20 aprile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione