Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 09:38

Un nuovo piano viabilità per la Puglia

I finanziamenti previsti sono di 95 milioni, fondi già disponibili nelle casse regionali per la manutenzione, la messa in sicurezza, l'ammodernamento e l'ampliamento della rete stradale
BARI - Prevede finanziamenti per 95 milioni di euro e riguarda i territori delle province di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto il piano per la viabilità regionale presentato oggi dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, dall'assessore alle Opere pubbliche, Onofrio Introna, dal presidente della Provincia di Brindisi, Michele Errico, e dagli assessori provinciali Sante Giordano (Bari), Antonello Suma (Foggia), Giuseppe Merico (Lecce) e Costanzo Carrieri (Taranto).
"Questo è un piano sulla viabilità - ha detto Introna - interamente costruito con la concertazione tra Province pugliesi e Regione. Sono fondi già disponibili nelle casse regionali perché sono stati trasferiti per la manutenzione, la messa in sicurezza, l'ammodernamento e l'ampliamento della rete della viabilità ex Anas".
Il piano - ha continuato Introna - "ha attribuito a ciascuna provincia una quota di finanziamento rapportata al numero di chilometri di strade ex Anas".
Tra gli interventi illustrati da Introna quelli per la messa in sicurezza della strada provinciale Polignano-Castellana e della Monopoli-Castellana che "creano motivi di preoccupazione per la frequenza di incidenti, anche mortali". Introna e Vendola hanno poi evidenziato l'aspetto di collaborazione tra Province che ha permesso di destinare due milioni di euro, extra budget, alle aree più degradate della Provincia di Foggia.
"Un gesto importante di solidarietà - ha detto Vendola - perchè quando ci si prende per mano e si fa sistema può prevalere il meglio e non il peggio. Questo è un segno di cultura della solidarietà che voglio sottolineare con enfasi: è la strada che ci porta a vincere le scommesse. Fare sistema ed essere capaci di esprimere solidarietà. E' un momento bello di sinergia interistituzionale".
Errico ha ricordato che questi interventi rientrano in quel progetto per il Grande Salento che mira a "una Puglia in grado di affrontare con efficienza le sfide della modernità". Per Suma e Costanzo, "il sistema Puglia comincia a funzionare in una regione con tanti problemi", mentre Giordano ha messo in evidenza che "questa è la direzione giusta per la modernizzazione dei trasporti e della mobilità". Merico, infine, ha messo l'accento sul "criterio delle priorità scelto per la utilizzazione delle risorse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione