Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 18:06

Primavera: catene a bordo

Secondo gli esperti, almeno fino a fine settimana il tempo resterà variabile e le temperature si manterranno basse. Le situazioni più problematiche si sono verificate in Campania: a Napoli il ghiaccio ha creato non pochi problemi alla già caotica circolazione. Difficoltà per la neve anche sull'A3 Calabria-Basilicata. Il traffico ai mezzi pesanti è stato interdetto nel tratto tra Lagonegro e Sibari e in serata si è creata una lunga coda sul raccordo dell'A3 Potenza-Sicignano (Salerno) nei pressi di Balvano, in provincia di Potenza
Maltempo - Neve in Basilicata ROMA - Con l'ingresso ufficiale della primavera è arrivata anche la prima vera nevicata della stagione sul Vesuvio. E la perturbazione che da tre giorni imperversa sull' Italia ha provocato ancora disagi, soprattutto al sud, dove sono saltati i collegamenti con le isole minori e si sono verificati diversi problemi alla circolazione stradale.
Dopo il centro-nord, dove ora il pericolo è rappresentato dal ghiaccio e dal pericolo valanghe - in alcune zone delle Dolomiti il rischio è salito a "marcato" -, è toccato al meridione subire gli effetti dell'ondata di maltempo, che oltre alle piogge e alle nevicate ha fatto scendere le temperature anche di dieci gradi. Una perturbazione che dovrebbe lasciare l'Italia nelle prossime ore: gli esperti aspettano un miglioramento a partire già da domani anche se almeno fino a fine settimana il tempo resterà variabile e le temperature si manterranno basse.
Le situazioni più problematiche si sono verificate in Campania. Napoli si è svegliata con il Vesuvio completamente imbiancato e in città il ghiaccio ha creato non pochi problemi alla già caotica circolazione. Ferme le corse veloci che collegano il capoluogo campano alle isole del golfo e in tilt anche l'intera costiera amalfitana: una frana sulla statale 163 e il ghiaccio hanno praticamente bloccato la viabilità della zona. L'autostrada A3 Napoli-Salerno è invece rimasta chiusa per un'ora nel tratto tra Cava dei Tirreni e Vietri a causa di una violenta nevicata. Difficoltà per la neve anche sull' A3 in Calabria e Basilicata. Il traffico ai mezzi pesanti è stato interdetto nel tratto tra Lagonegro e Sibari e in serata si è creata una lunga coda sul raccordo dell'A3 Potenza-Sicignano (Salerno) nei pressi di Balvano, in provincia di Potenza.
In Sicilia è nevicato sopra i mille metri, in difficoltà anche un autobus con turisti sull'Etna: sono stati salvati dalla polizia. Ma i problemi maggiori si sono avuti per i collegamenti marittimi. Per il terzo giorno consecutivo sono saltati quelli con Ustica, Lampedusa e Pantelleria. I traghetti che collegano Milazzo con le isole Eolie hanno continuato invece a viaggiare per tutto il giorno, ma in serata un centinaio di pendolari è rimasto bloccato sulla banchina del porto a causa di un peggioramento delle condizioni marine.
Le piogge e le nevicate di questi giorni un dato positivo l'hanno però prodotto: secondo la Coldiretti sono stati ripristinati i livelli di laghi e fiumi, un trend che potrebbe scongiurare il rischio siccità. L'altra faccia della medaglia, sostiene la Cia, è che però la grandine e la neve di questi giorni, sommandosi ai danni prodotti dalle anomale condizioni dell'autunno e dell'inverno, hanno già prodotto un danno al settore ortofrutticolo di 800 milioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione