Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 17:27

Taranto - Il sommergibile "Todaro" rientra dopo 24 giorni di missione Nato

Il battello della Marina militare - della nuovissima classe U-212A - ha effettuato pattugliamenti segreti nell'ambito dell'operazione "Active Endeavour"
Marina militare italiana sommergibile Todaro TARANTO - Termina oggi con il rientro a Taranto la missione operativa per il sommergibile "Salvatore Todaro". Il "Todaro" era partito lo scorso 5 febbraio per inserirsi nel dispositivo aeronavale della Nato, impegnato in Mediterraneo nell'operazione "Active Endeavour". Il sommergibile ha operato in zona per 24 giorni consecutivi, nei quali ha pattugliato una vasta area di mare, grande circa le dimensioni di tutta la Sicilia. Grazie ai sofisticati sistemi di scoperta di bordo, il sommergibile ha localizzato, identificato e monitorizzato circa 800 navi, rimanendo "invisibile".
Il sommergibile "Salvatore Todaro", del tipo U 212A, nasce da un programma di cooperazione internazionale tra Italia e Germania, ed è
stato consegnato alla Marina il 29 marzo 2006, effettuando da quella
data più di 2.100 ore di navigazione. È un'unità subacquea di medie
dimensioni, caratterizzata dall'impiego di tecnologie innovative che
permettono prestazioni molto avanzate, di particolare rilievo nei
settori dell'autonomia occulta, delle segnature, del sistema
elettroacustico e di lancio delle armi.
Il sommergibile è dotato, in particolare, di un tipo di propulsione silenziosa basata sull'impiego delle celle a combustibile, le fuel cells (avanguardia assoluta per rispetto dell'ambiente), in cui l'idrogeno e l'ossigeno vengono fatti reagire per produrre energia elettrica, rappresenta un sistema innovativo per la generazione di energia in molteplici settori, anche non militari, primo fra tutti l'autotrazione.
L'operazione "Active Endeavour", iniziata il 21 ottobre 2001 in applicazione dell'Articolo 5 del Trattato Nord Atlantico, è stata attivata a seguito delle stragi dell'11 settembre 2001 subìte dagli Stati Uniti a New York, Washington ed in Pennsylvania. È affidata alle unità aeronavali assegnate ad hoc dai paesi Nato, sotto il controllo operativo del comando della Componente marittima Nato (Maritime component commander) di Napoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione