Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 04:31

Economia - "Balcani sono carta vincente"

Così il ministro del commercio internazionale e per le Politiche europee, Emma Bonino, intervenendo sulle prospettive di internazionalizzazione delle pmi pugliesi
BARI - "Io penso che un'intensificazione di rapporti commerciali con i Balcani, che non sono stati toccati da questa iniziativa, fino al Mar Nero e all'Azerbaigian, un paese che sta conoscendo una crescita del 30%, sia una carta molto importante. Sono zone in evoluzione molto forte". Lo ha detto il ministro del commercio internazionale e per le Politiche europee, Emma Bonino, intervenendo sulle prospettive di internazionalizzazione delle piccole e medie aziende pugliesi e sul ruolo che la regione può svolgere nei rapporti commerciali con le realtà economiche del Mediterraneo. Bonino ha visitato la Regione Puglia, dove è stata ricevuta dagli assessori Sandro Frisullo, Enzo Russo e Silvia Godelli, e alcuni distretti dell'agroalimentare insieme a una delegazione di donne imprenditrici che partecipa al forum internazionale avviato ieri a Milano, provenienti dal Mediterraneo, dal Medio Oriente e dal Golfo Persico. "Sono disponibile e interessata a un'iniziativa rivolta a questa zona - ha aggiunto - magari sempre con il filone dell'imprenditoria al femminile, un fenomeno vivacissimo in tutti i Balcani. Spero che lavoreremo con le autorità regionali. Il ministero e l'Ice sono disponibili se c'è ovviamente anche l'interesse delle autorità locali come c'è stato in Lombardia". Bonino ha sottolineato come "occorra agire come sistema Pese e lavorare in assoluta sinergia. La Lombardia - ha proseguito - è più avanti negli scambi commerciali con l'area del Mediterraneo rispetto alle regioni del Sud. Spero che si apra un'ottima competizione perchè quella aiuta. Qui ci sono vantaggi ma anche alcuni svantaggi - ha detto riferendosi alla Puglia - credo che ci sono tutte le condizioni per guardare fuori. Internazionalizzarsi è semplicemente una necessità. E quindi sarà bene che ce la facciamo piacere e che ci prendiamo anche gusto".
"Quasi ovunque le donne sono un fattore di cambiamento - ha osservato Bonino - non hanno niente da perdere e tutto da guadagnare dal cambiamento". Per questo è importante "il sostegno internazionale come lo è stato per noi negli anni 70 l'aiuto delle donne del nord Europa". "La Puglia - ha dichiarato l'assessore allo Sviluppo economico e vicepresidente della giunta, Sandro Frisullo - sta innovando e ha invertito la rotta per il sistema delle imprese. Daremo sostegno ai Paesi di nuova democrazia per la tutela dei diritti umani, base per lo sviluppo economico. Si tratta di una scelta che sta già dando i suoi frutti nell'area del Mediterraneo, ma vogliamo intensificare gli sforzi. In questi mesi - ha proseguito - abbiamo costruito rapporti di partenariato con alcuni paesi, soprattutto nel campo dell'agricoltura, della meccanica e del tessile. So che il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha dichiarato che la zona del capoluogo lombardo sarebbe la più mediterranea d'Europa. Invece la Puglia - ha concluso - si considera la porta d'accesso del Mediterraneo e auspico che la Fiera del Levante, insieme al Ministero, si faccia promotrice di un'iniziativa per rafforzare i rapporti con i paesi del Mediterraneo". Tra le imprenditrici, la rappresentante, per la Siria, di un'azienda che produce sia prodotti cosmetici da 20 anni che biscotti dietetici da 5, ha sottolineato come il sistema economico nel suo paese "stia cambiando" e che i rapporti economici siano improntati "non più a un sistema protezionistico" ma si stanno dirigendo "verso le liberalizzazioni. Non ci sono più differenze tra imprenditori uomini e donne - ha concluso - forse rimangono solo per quanto riguarda l'acceso al credito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione