Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 04:08

Altamura - Indaga l'Antimafia

La traccia è la presunta complicità fra mafia, politica ed affari. Il sostituto procuratore Digeronimo ha interrogato come testimoni un "pentito", che vive sotto scorta e nascosto, ed il direttore di una radio locale
Altamura - Indaga l'Antimafia
Altamura BARI - Un'inchiesta sul presunto intreccio tra mafia, politica e affari attivo ad Altamura, cittadina di 65mila abitanti della Murgia barese, è stata avviata dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari. L'indagine è affidata al sostituto procuratore della Repubblica Desirè Digeronimo, che nei giorni scorsi ha ascoltato nuovamente il "pentito", già trasferito con la famiglia in località protetta, che con le sue dichiarazioni ha fatto avviare l'indagine.
L'inchiesta, a quanto è dato sapere, riguarda presunte commistioni tra il tessuto politico della città, il mondo degli affari e la criminalità organizzata che da qualche tempo - secondo ipotesi investigative tutte da verificare - avrebbe messo le mani sugli appalti pubblici avvalendosi di ipotetiche complicità di colletti bianchi. Nell'ambito dell'indagine è stato ascoltato anche Alessio Dipalo, di 50 anni, direttore e conduttore di Radio Regio Stereo, una piccola radio di Altamura che da tempo denuncia dai propri microfoni le presunte malefatte di politici e affaristi locali. Per questi fatti Dipalo, nei mesi scorsi, fu interdetto per due mesi dall'attività d'impresa in base ad un provvedimento della magistratura barese che lo ha rinviato a giudizio per diffamazione.
Dipalo, che ha già subito una violenta aggressione fisica e l'incendio della propria autovettura, è stato ascoltato dal Pm Digeronimo che ha deciso di secretare il verbale d'interrogatorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione