Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 00:29

Bari - Tutti pazzi per Ikea

Nessuno si vuole perdere quello che ormai è un evento sociale e culturale: il taglio del nastro per entrare «nella scatola gialla e blu» il 14 febbraio • «Andate da Ikea con i mezzi pubblici»
centro IkeaBARI - «Ma tu ci vai? Io non voglio farmi scappare l'inaugurazione. Sì lo so che ci sarà tanta gente, ma possiamo andare con il treno, magari incontriamo anche qualche vip locale».
«Pronto, ciao sono zia Tina, pensavo di venire a Bari a trovarti, magari per la giornata di San Valentino, è vero che inaugurano Ikea? Potrei venire a salutare te e fare un salto a vedere il punto vendita».

Da qualche tempo Bari e provincia sembrano impazzite di «Ikeite». Prima ci sono state le valanghe di domande di assunzione, con tutti che non facevano altro che informarsi, collegarsi al sito, telefonare a destra e sinistra, inviare curriculum, ora il conto alla rovescia per l'apertura è praticamente terminato e la febbre continua a salire: Ikea apre a Bari per San Valentino e in barba a qualsiasi logica, che consiglierebbe di evitare la ressa dell'inaugurazione, la gente sembra impazzita. Nessuno si vuole perdere quello che ormai è un evento sociale e culturale: il taglio del nastro per entrare nella scatola gialla e blu il 14 febbraio.

«E' da un anno che mi trattengo da non prendere l'auto e andare ad Ikea Napoli - confida un'amica all'altra - voglio godermi la meraviglia e soprattutto assaggiare i piatti svedesi». «Io invece - risponde l'altra con fare da donna vissuta - sono stata a Roma e Milano, praticamente è come fossi di casa, non avrò problemi di orientamento, perché le strutture sono tutte simili, per ora non devo comprare nulla, ma sicuramente l'inaugurazione non me la perdo»

Bari, Müngivacca, 14 febbraio 2007, la carica di appassionati, curiosi, presenzialisti ed autorità all'ingresso del nuovo centro Ikea sarà un evento da raccontare ai nipoti. Sì è proprio scritto bene Bari, Müngivacca con la dieresi sulla U esattamente come campeggiava sul sito «perché con Ikea a Bari ci sentiamo un po' tutti più svedesi - spiega ridendo Marcello Bernacchia, customer relation manager dello store di Bari e responsabile anche della pagina internet locale - e poi perché siamo stati tutti contagiati dalle polpette svedesi».
L'«Ikeite» dilaga per Bari, sarà grave?
Rita Schena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione