Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 08:30

Il Pg della Corte dei conti "bacchetta" la Puglia

Il Procuratore Francesco Lorusso - nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario - ha espresso «perplessità» sul ricorso al bilancio ad esercizio provvisorio della Regione. Denunciate «contraddizioni» nelle scelte per la Sanità • Le repliche del presidente Nichi Vendola e dell'assessore Alberto Tedesco • Il leader dell'opposizione (Rocco Palese, capogruppo di Forza Italia) dà ragione al magistrato e accusa: «Ora le Asl sono nel caos»
Regione Puglia BARI - «Perplessità» sul ricorso da parte della Regione Puglia all'esercizio provvisorio, «che non rappresenta certo il sintomo di una gestione virtuosa del bilancio dell'anno precedente», sono state espresse dal procuratore regionale della Corte dei conti, Francesco Lorusso, durante la cerimonia di apertura dell'anno giudiziario.
Nella sua relazione, Lorusso ha riconosciuto «l'intento di contenere in Puglia i livelli di spesa sanitaria» facendo ricorso, tra l'altro, alla riduzione da dodici a sei delle Unità sanitarie locali. Ha rilevato però che il fatto di non avere posto un limite di tempo alla durata del mandato dei tre commissari straordinari, nominati al posto dei direttori generali decaduti, appare «in contraddizione proprio con le finalità dichiarate di raggiungere i notevoli risparmi sperati, specie se si tiene conto che la Regione ha attivato i Distretti sanitari con la relativa nomina di altrettanti direttori di Distretto, direttori amministrativi e direttori di cure primarie».
Lorusso ha poi fatto riferimento ad «importanti indagini» avviate dai magistrati contabili su episodi di malgoverno delle varie amministrazioni pubbliche pugliesi e ha citato, senza entrare nello specifico, la vicenda del dissesto finanziario del Comune di Taranto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione