Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 20:09

Latitante barese arrestato in Romagna

Riccardo Sgaramella ricercato dal novembre 2006, è stato arrestato dalla polizia assieme al pregiudicato palermitano Francesco Di Figlia • Tradito dall'affetto per i nipotini
BARI - Uno dei piu' noti pregiudicati della mafia del nord barese, Riccardo Sgaramella, di 53 anni, ricercato dal novembre 2006, è stato arrestato dalla polizia assieme al pregiudicato palermitano Francesco Di Figlia, di 51 anni, accusato di favoreggiamento personale.
L'arresto è stato compiuto tra la gente che affollava un'area di servizio nei pressi di Fiorenzuola D'Arda (Piacenza). All'operazione hanno partecipato agenti dello Sco e delle squadre mobili delle questure di Bari, Milano e Piacenza.
Nei confronti di Sgaramella pendeva un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di associazione mafiosa e di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Il pregiudicato è ritenuto dalla Dda di Bari il promotore del clan criminale attivo ad Andria, nel nord barese, dove due mesi fa carabinieri e polizia eseguirono circa 80 arresti.

Sgaramella e' stato bloccato nell'autovettura Volkswagen Golf guidata da Di Figlia, all'interno della quale si trovavano la moglie e la figlia del pregiudicato palermitano.
Il pregiudicato andriese - assieme a Riccardo Campanale, Matteo Albano, Paolo Lorusso e Giuseppe Posto - è ritenuto ai vertici della mafia andriese dove due clan in lotta tra loro, i Pistillo e i Pastore, si contendono il controllo dei traffici illeciti. Il clan di cui faceva parte Sgaramella fu smantellato con 77 arresti da polizia e carabinieri il 30 novembre scorso.
Al sodalizio mafioso è contestata anche la paternità dell'attentato con una bomba a mano fatta esplodere il 10 ottobre 2001 davanti all'ingresso del commissariato di polizia di Andria, e dell'attentato con un'autobomba che doveva esplodere nella primavera del 2000 davanti alla caserma dei carabinieri della città. L'attentato andò in fumo solo perchè furono sequestrati circa 350 chili di esplosivo con il quale doveva essere imbottita l'autobomba, una Mercedes coupè.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione