Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:43

Vigilante sventa furto, spara e uccide

La vittima è un pregiudicato di Brindisi, Marco Tedesco, 28 anni. Con altri complici stava cercando di rubare nel bar attiguo ad una stazione di servizio di Trepuzzi (Lecce)
TREPUZZI (LECCE) - Un furto con spaccata, in una stazione di servizio nel leccese nel cuore della notte: nelle intenzioni dei ladri, quattro uomini presumibilmente tutti di Brindisi, doveva essere un lavoro relativamente semplice, di certo veloce, studiato a tavolino, ma sono stati sorpresi dalle guardie giurate che hanno aperto il fuoco e uno di loro, Marco Tedesco, di 28 anni, ha perso la vita. Due complici sono stati poi arrestati dai carabinieri e la quarta persona è ricercata.
E' accaduto la scorsa notte lungo la statale 616, nel territorio di Trepuzzi, in provincia di Lecce. La magistratura ha avviato una inchiesta nella quale risultano indagate le due guardie giurate intervenute a sventare il furto. I due sono stati interrogati dal magistrato, ma una parola più chiara la diranno l'autopsia e le immagini della tv a circuito chiuso fatta installare dal titolare dell'area di sosta.
In passato la stessa stazione era stata svaligiata più volte, e sempre con la tecnica della spaccata: un'auto lanciata contro le serrande, vetri in frantumi, pochi minuti e via col bottino. Per questo, oltre alla tv, il titolare aveva fatto sistemare davanti all'ingresso sbarre che impedissero alle auto di buttare giù la saracinesca. Ma il colpo della scorsa notte era stato studiato a tavolino e i malfattori hanno usato piccole utilitarie - una Panda e una Y10 - con le quali hanno aggirato le sbarre e hanno sfondato le porte.
E' da poco passata la mezzanotte: i ladri abbattono la porta di ingresso facendo così scattare l'allarme collegato con l'istituto La Vigile di Trepuzzi. I quattro sono ancora intenti ad arraffare qualche stecca di sigarette e poche centinaia di euro, quando arriva una guardia giurata su una Fiat Tipo. I ladri se ne accorgono e fanno per fuggire ma, secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, il vigilante apre il fuoco con la sua pistola. Per terra restano sette-otto bossoli. "Li avevo visti maneggiare qualcosa e temevo che stessero per spararmi", avrebbe poi detto agli investigatori.
Dalla centrale mandano un'altra guardia. I ladri scappano a bordo delle vetture utilizzate nella spaccata. Inizia un inseguimento nel corso del quale il conducente della Y10 riesce a far perdere le sue tracce, mentre la Panda è intercettata dai carabinieri del Nor e bloccata nei pressi di Torchiarolo (Brindisi). La Panda è guidata da Alessandro Zanzarella di 29 anni, con precedenti penali, di Brindisi, sorvegliato speciale di polizia, che viene arrestato. Al suo fianco Marco Tedesco, morto. Poco dopo i carabinieri arrestano anche il secondo complice, Umberto Brina, di 24 anni, anche lui pregiudicato. Dalle prime indagini e dalle immagini televisive, pare che nessuno di loro fosse armato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione