Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 04:36

Puglia - Un forum per le Pari opportunità

«L'intenzione è quella di giungere a realizzare una condizione di pari opportunità e costruire una alleanza tra generazioni per promuovere per tutti l'accesso ai servizi e alle risorse»
BARI - La Regione Puglia si avvia ad adottare una nuova legge sulle politiche di genere, sulle pari opportunità tra uomini e donne. Il testo, secondo le intenzioni dell'assessore regionale alle politiche sociali, Elena Gentile, dovrebbe essere esaminato dal consiglio regionale pugliese nella giornata dell'8 marzo. Domani, mercoledì 24 gennaio, con inizio alle 15.30, si terrà intanto nell'aula del consiglio regionale pugliese il forum regionale per esaminare i contenuti della nuova legge regionale sulle pari opportunità.
«L'intenzione - informa una nota - è quella di giungere al più presto in Puglia a realizzare una effettiva condizione di pari opportunità tra i cittadini e le cittadine. Non solo come elencazione di diritti e impegni formali, ma facendo un passo ulteriore, quello di costruire una alleanza tra generi e generazioni per promuovere pari opportunità per tutti nell'accesso ai servizi, alle risorse, alle occasioni di benessere, di formazione, di lavoro, di crescita».
L'assessorato regionale alla solidarietà, sette anni dopo l'approvazione della legge n.53/2000 (Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città), con questa proposta di legge vuole dare «attuazione all'obbligo per le regioni di definire, con proprie leggi, norme per l'armonizzazione ed il coordinamento dei tempi delle città e per la promozione dell'uso del tempo per fini di solidarietà sociale». Il tutto, proseguendo nel processo di riforma avviato con la legge regionale 19/2006 per il benessere e la dignità degli uomini e delle donne di Puglia, cioè la cosiddetta legge sul welfare.
La riflessione su questo tema - si legge nella nota - è partita lo scorso primo dicembre con un incontro convocato dall'assessore regionale alle politiche sociali, Elena Gentile, cui hanno partecipato la commissione regionale Pari Opportunità, la consulta femminile regionale, le consigliere di parità regionali, il comitato pari opportunità della Regione nonchè il Gruppo di Animazione per le Pari Opportunità del POR Puglia 2000-2006. La proposta di lavoro è stata oggetto di discussione nei forum provinciali che si sono conclusi pochi giorni fa nelle sei province pugliesi. Oltre agli interventi sulla conciliazione vita-lavoro, iniziative in materia di sostegno alla maternità e alla 'genitorialita" consapevole, al riequilibrio tra i generi dei carichi di cura, rappresentanza e partecipazione delle donne alla vita economica, politica e sociale, «si è discusso, - si sottolinea - con un ottimo livello di partecipazione, di governance di genere». Dopo l'esame che si terrà domani nel forum, il testo sarà presentato dalla nuova dirigente del Sistema Integrato dei servizi sociali della Regione Puglia, Antonella Bisceglia, alla giunta Regionale. "L'obiettivo - spiega Elena Gentile - è di sottoporlo all'esame del consiglio regionale proprio l'8 marzo, data simbolica, ad un passo da un centenario troppo spesso offeso dall'opinione pubblica e al quale il nostro governo intende restituire la dignità di una commemorazione, un'occasione per riconoscere i faticosi percorsi compiuti dalle donne in questi cento anni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione