Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 10:07

"E' l'ora di fermare il rigassificatore"

Così il sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti, dopo aver appreso della notifica della procedura d'infrazione Ue a Italia e Regione Puglia per la costruzione dell'impianto
BRINDISI - "Ora ci sono tutte le condizioni per riaprire la conferenza dei servizi in merito alla costruzione dell'impianto di rigassificazione in contrada Capo Bianco, per disporre la sospensione dei lavori e per effettuare la omessa valutazione di impatto ambientale". E' quanto ha dichiarato il sindaco di Brindisi Domenico Mennitti dopo aver appreso che è stata notificata al governo ed all'assessorato all'Ecologia della Regione Puglia la comunicazione ufficiale che l'Italia è sotto procedura di infrazione da parte della Commissione europea per la costruzione dell'impianto. "E' impossibile - ha continuato il Sindaco - a questo punto aggrapparsi a qualsiasi pretestuosa obiezione, perchè è crollata la falsa costruzione mediatica secondo la quale si è a lungo lasciato intendere che la procedura autorizzativa fosse perfetta e perciò irrevocabile. La Direzione generale ambiente dell'Unione europea ha precisato che si sarebbe dovuta sottoporre, e che comunque va sottoposta, a valutazione di impatto ambientale anche la colmata in avanzata fase di costruzione, per cui è inevitabile che i lavori avviati dalla Brindisi Lng siano sospesi perchè si stanno realizzando in assenza di un elemento fondamentale per valutare la regolarità delle autorizzazioni ottenute". "Il Comune - ha concluso Mennitti - chiederà al governo
italiano, d'intesa con le altre istituzioni interessate, di avviare
con immediatezza il procedimento che consentirà di assumere i
provvedimenti conseguenti. Si celebra così il successo delle volontà istituzionali del territorio, che non respingono gli investimenti
stranieri ma chiedono che questi siano autorizzati, e tutelati, nel
rispetto delle leggi e, perciò, nel rispetto di tutte le parti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione