Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 07:53

Regione Puglia - Pepe sollecita Parisi

Il presidente del Consiglio pugliese ha scritto una lettera al ministro della Difesa, per sbloccare la cessione dell'area di Bari, dove verrà costruita la nuova sede del governo regionale
Consiglio Regione Puglia - Pietro Pepe BARI - Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Pietro Pepe (Margherita), ha scritto al ministro della Difesa Arturo Parisi (Margherita), affinché intervenga direttamente per sbloccare la
situazione dell'area del quartiere Japigia di Bari dove dovrebbe
sorgere la nuova sede dell'Ente.
Ieri l'assessore regionale alle Opere pubbliche Onofrio Introna (Sdi) ha ritirato il permesso a costruire dal Comune di Bari.
«Si tratta - ha detto Pepe - di un'opera di grande rilevanza
strutturale e funzionale per la Regione Puglia, la cui realizzazione
è auspicata da decenni. Ora finalmente, dopo avere superato tutta una serie di ostacoli e di ricorsi, si potrà passare alla fase attuativa. È auspicabile che sia risolta al più presto la questione aperta con
il Demanio per la consegna dell'area dell'ex caserma».
«La nuova sede - ha aggiunto - permetterà di risparmiare circa 10 milioni di euro all'anno che la Regione spende per i fitti di tanti locali dei servizi regionali, disseminati nel capoluogo. L'esigenza
della nuova struttura è suggerita altresì dall'aumento dei
consiglieri e dai nuovi organismi di rilevanza istituzionale istituiti o in via di istituzione. Penso, tra l'altro, al Consiglio delle
autonomie locali, già varato dall'Assemblea regionale, e alla
Conferenza regionale permanente per la programmazione. Soprattutto, la nuova sede - ha concluso Pepe - è necessaria per aumentare la funzionalità dei servizi regionali e per eliminare i tanti disagi che subiscono i cittadini pugliesi ora costretti a muoversi su tutto il territorio di Bari, dal centro alla zona industriale. Va dato atto
alla giunta regionale, al presidente Vendola ed all'assessore Introna, dell'incessante impegno per condurre in porto la realizzazione di questo obiettivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione