Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 00:55

«San Nicola punto d'incontro tra civiltà»

Così il presidente del Senato, Franco Marini, che ha visitato la mostra «San Nicola. Splendori d'arte d'Oriente e d'Occidente», allestita al Castello Svevo di Bari
BARI - Il presidente del Senato Franco Marini ha visitato stamani la mostra «San Nicola. Splendori d'arte d'Oriente e d'Occidente», allestita al Castello Svevo di Bari e in programma fino al 6 maggio 2007. Ad accompagnarlo nella visita, tra gli altri, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, il vicepresidente della Provincia, Onofrio Sisto, gli assessori comunali Nicola Laforgia, Cinzia Capano e Antonio Decaro.
Marini è stato accolto dalla direttrice del Castello Svevo, Annamaria Lorusso, che si è soffermata sulle caratteristiche della struttura e dal curatore dalla mostra, Michele Bacci, che ha illustrato le opere esposte. Pezzo forte della mostra una raccolta di otto antichi dipinti su tavola mai esposti prima in Europa e provenienti dal Monastero di Santa Caterina al Monte Sinai.
«Non voglio essere troppo enfatico - ha detto il presidente del Senato, al termine della visita - ma devo dire che sono rimasto straordinariamente colpito sia per la qualità delle opere esposte che per la sensibilità del Comune, del sindaco, della Regione e del suo presidente. Di questa grande figura che è san Nicola sono riusciti a far emergere, naturalmente con i tecnici e i curatori che ci hanno lavorato, questo intreccio di culture che viene dall'Oriente e arriva fino al Nord Europa, con la sua modernità di problemi».
Marini ha sottolineato che «i tempi che viviamo sono proprio di rischio di frattura tra queste culture che sembrano così lontane, come quella dell'Asia vicina, del Medioriente, da cui viene san Nicola, e le culture dell'Occidente. In questa mostra, invece, c'è un intreccio».
«A coloro che sostengono che i nostri tanti e gravi problemi configurano uno scontro di civiltà - ha continuato - voglio dire che invece sono molti i punti comuni con queste civiltà che si sono sviluppate intorno al Mediterraneo e sono arrivate fino al Nord Europa».
Marini ha poi invitato sopratutto i giovani a visitare la mostra. «Vorrei che questa mostra - ha detto - la visitassero in molti: forse riuscirebbero a capire di più cosa c'è nelle nostre radici e la necessità di un dialogo che recuperi il meglio delle culture che queste nostre belle città hanno conosciuto».
Il sindaco Emiliano ha detto che «il presidente Marini nella sua breve visita ha colto il forte messaggio che corrisponde alla visione strategica della città di Bari, quello che vogliamo essere nei prossimi anni: il grande luogo dell'incontro delle culture e delle religioni, al fine di costruire un modello concreto di vita pacifica nel Mediterraneo e nel mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400