Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 08:17

Indagata per lo spietramento della Murgia

L'utilizzatrice dei fondi (che ricadono nel Parco nazionale dell'Alta Murgia e di proprietà del Comune di Altamura), avrebbe dissodato 53 ettari per farne seminativi
ALTAMURA (BARI) - Circa 53 ettari di terreni che ricadono nel Parco nazionale dell'Alta Murgia, e che sono di proprietà del Comune di Altamura, sono stati sequestrati da uomini del Corpo forestale dello Stato in località Tremaglie perchè su di essi continuava ad essere in corso un'attività di dissodamento, scarificatura e frantumazione delle rocce calcaree (cosiddetto spietramento) per trasformarli da pascolivi in seminativi e per ottenere ulteriori contributi comunitari. Il decreto di sequestro preventivo è firmato dal pm inquirente del Tribunale di Bari, Emanuele De Maria.
Gli interventi in corso sui suoli - secondo l'accusa - stavano comportando "la distruzione e il deterioramento degli elementi caratterizzanti il sistema botanico e vegetativo, il mutamento dell'assetto e della morfologia del territorio, nonchè il regime naturale delle acque".
L'attività illecita - sostiene la Procura - era condotta dall'utilizzatrice dei fondi, Beatrice D'Auciello, di 38 anni, di Altamura, indagata a piede libero. La donna è l' utilizzatrice di un'ampia superficie agricola (sempre di proprietà del Comune di Altamura), pari a circa 338 ettari, che si trova alla periferia di Gravina in Puglia, a poca distanza da Altamura.
D'Auciello è indagata, oltre che per una serie di reati ambientali relativi alla modifica dello stato fisico e dell'aspetto esteriore dei terreni, di alterazione e distruzione della bellezza dei luoghi, e di indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato per aver presentato dal 2002 al 2004 dichiarazioni attestanti, contrariamente al vero, che i terreni adibiti a pascolo erano coltivati a grano, ottenendo dall'Agea contributi per oltre 90.000 euro. L'accusa fa anche riferimento al tentativo dell'indagata di ottenere sempre dall'Agea altri 33.000 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione