Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 13:03

Bari - Sequestrato depuratore Aqp

L'impianto è quello di Bari ovest, al servizio della zona industriale del capoluogo, dei quartieri dell'area costiera di Palese e Santo Spirito e di vari comuni. Sversati rifiuti di metalli pesanti
BARI - Per il suo cattivo funzionamento, che produce rifiuti speciali nocivi, è stato sequestrato dai carabinieri del Noe il depuratore di Bari ovest che è al servizio della zona industriale del capoluogo, dei quartieri dell'area costiera di Bari Palese e Santo Spirito e di vari comuni dell'area metropolitana. Per la nocività dei rifiuti prodotti dal depuratore - che risultano, secondo gli investigatori, carichi di metalli pesanti - sono anche state sequestrate alcune decine di ettari di terreno nelle campagne della Murgia dove venivano sversati i fanghi di Bari ovest.
Il depuratore è gestito dall'Acquedotto pugliese (Aqp) e affidato a una società che lo conduce. Il sequestro è stato disposto nell'ambito di indagini dirette dalla procura della Repubblica di Trani: per il depuratore risultano indagati - a quanto si è saputo - per ora - funzionari di Aqp, responsabili della società che lo conduce, proprietari dei fondi dove i fanghi venivano sversati.

Il sequestro è stato disposto mantenendo tuttavia la possibilità di utilizzare l' impianto, per evitare che finiscano in mare reflui assolutamente non depurati. A quanto si è saputo, ad ogni modo, anche i reflui depurati non avrebbero valori consentiti dalle norme antinquinamento.
Il depuratore di Bari Ovest, impianto di tipo biologico con una linea acque e una linea fanghi, attualmente serve i seguenti Comuni: Zona industriale di Bari, Palese, Santo Spirito, San Paolo (Bari), Modugno, Binetto, Bitetto, Toritto, Grumo e Palo del Colle per un totale di circa 380.000 residenti e una portata di mc/d di 67.973.
Secondo dati tratti dal sito Aqp, l'anno scorso vi furono intrapresi lavori per un importo complessivo di circa tre milioni di euro per il risanamento delle vasche di equalizzazione, il risanamento e la copertura della vasca di ricarbonatazione, l'installazione di griglie fini, il risanamento del comparto di dissabbiatura, la realizzazione di un locale compressori, la copertura degli ispessitori e impianti di deodorizzazione, la realizzazione di un nuovo comparto in carpenteria metallica e la realizzazione di una pesa per autobotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione