Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 08:29

Musica - A Taranto la 4ª edizione del "Paisiello festival"

Primo appuntamento il 14 novembre, al teatro Orfeo, con il soprano Cinzia Forte accompagnata al pianoforte da Vincent Scalera
TARANTO - Prende il via, il prossimo 14 novembre, la 4ª edizione del "Giovanni Paisiello festival", rassegna che si allaccia alle celebrazioni per il 250° anniversario della nascita di Mozart.
Giovanni Paisiello, tarantino, fu uno dei compositori più celebri del Settecento e idolo del pubblico dei teatri europei, artista amato da Caterina II di Russia così come da Napoleone.

Il Galà di apertura, che si terrà la sera del 14 novembre al Teatro Orfeo di Taranto, vedrà protagonisti il soprano Cinzia Forte, abitualmente ospite dei teatri e delle sale da concerto di tutto il mondo, accompagnata al pianoforte dal celebre maestro Vincent Scalera: questo recital lirico sarà l'occasione per ascoltare alcune vere rarità. Musica - Il soprano Cinzia Forte

Gli Amici della musica "Arcangelo Speranza" organizzano il "Giovanni Paisiello Festival" da quattro edizioni, pur tra le notevoli difficoltà registrate per i tagli effettuati al Fondo unico dello spettacolo - dal ministero per i Beni e le attività culturali - e per le ripercussioni del deficit finanziario delle casse dell'Amministrazione comunale del capoluogo jonico.
Decisivi l'intervento della Regione Puglia, il sostegno della Provincia di Taranto e, comunque, del Comune di Taranto, con la presenza della Camera di commercio di Taranto e della Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia alle quali si è affiancata, da quest'anno, la Confindustria di Taranto.

• Mozart era un ammiratore di Paisiello: lo attestano le cronache del tempo ed i consolidati studi. E così gli organizzatori del Festival di quest'anno, seppur impoverito dalla mancata produzione di un'opera lirica, hanno voluto inserire nel programma di apertura alcune arie scritte appositamente da Mozart per opere di Paisiello. Nella seconda parte del concerto, per gli appassionati del grande repertorio lirico, saranno invece eseguite arie tratte da opere di Bellini, Donizetti e Verdi.

• Cinzia Forte fu applaudita la scorsa estate a Martina Franca, indiscussa protagonista dell'Idomeneo di Mozart-Strauss al Festival della Valle d'Itria. Canta per la prima volta a Taranto, città che pure conosce abbastanza bene per avervi trascorso gli anni giovanili. Napoletana di nascita e romana di adozione, inizia gli studi musicali all'età di 5 anni sotto la guida del padre. Prosegue gli studi al Conservatorio e, contemporaneamente agli studi classici, si diploma in pianoforte e canto lirico. Vince numerosi concorsi internazionali, tra cui il "Giacomo Lauri Volpi" di Latina e "A. Belli" di Spoleto. Dopo il debutto al Teatro lirico sperimentale di Spoleto, viene invitata dai più prestigiosi teatri e istituzioni concertistiche internazionali tra cui, il Teatro alla Scala, Teatro di San Carlo di Napoli, Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Regio di Torino, Teatro dell'Opera di Roma, Teatro Comunale di Bologna, Royal Opera House-Covent Garden di Londra, Royal Concertgebouw e Nederlandse Opera di Amsterdam, Gran Teatre de Liceu di Barcellona, Teatro de La Maestranza di Siviglia, Opernhaus di Zurigo, New National Theatre di Tokyo, Théâtre des Champs- Elysées di Parigi, Deutsche Oper di Berlino, Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, Opéra di Montecarlo, Auditorium S. Cecilia di Roma, Rossini Opera Festival di Pesaro, Severance Hall-Cleveland Orchestra.
Soprano lirico di coloratura, è apprezzata interprete di ruoli che spaziano dal repertorio mozartiano, quali Susanna nelle "Nozze di Figaro", Despina in "Così fan tutte", Donna Anna e Zerlina in "Don Giovanni", Pamina in "Die Zauberflöte", ad opere del belcanto italiano di Donizetti, Bellini, Rossini, quali "La Sonnambula", "Lucia di Lammermoor", "Don Pasquale", "L'elisir d'amore", "Le Comte Ory", "Il Viaggio a Reims", "La Gazzetta", "La gazza ladra", "Il Turco in Italia", "Tancredi". Interpreta anche i ruoli di Violetta nella "Traviata", Gilda in "Rigoletto", Oscar in "Un ballo in maschera", Nannetta in "Falstaff", Musetta ne "La Bohème" e altri appartenenti al repertorio francese. Ha inoltre preso parte a produzioni liriche di opere di rara esecuzione, come "Idomeneo" di Strauss/Mozart andato in scena al Festival di Martina Franca 2006 in prima esecuzione italiana in tempi moderni.
Collabora con direttori d'orchestra di fama internazionale tra cui Claudio Abbado, Bruno Campanella, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Jesus Lopez Cobos, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, René Jacobs, Jeffrey Tate e registi quali Graham Vick, Luca Ronconi, Pierluigi Pizzi, Franco Zeffirelli, Dario Fo, Jérôme Savary, Willy Decker, Bruno De Simone, Michael Hampe, Mario Martone, Toni Servillo, Emilio Sagi.
Cinzia Forte si dedica con successo anche al repertorio barocco e contemporaneo. Ha cantato, tra gli altri, lo "Stabat Mater" di Rossini, il "Messia" di Haendel, il "Te Deum" di Charpentier (incise pe la Deutsche Grammophone sotto la direzione di Chung), "Cantate Profane" di Bach e Vivaldi, "La finta giardiniera" con la Freiburger Barockorchester a Montreux, "La serva padrona" di Giovanni Paisiello con la Cetra Barockorchester al Teatro di Poissy, l'Exultate Jubilate di Mozart al Teatro San Carlo di Napoli. Recentemente ha preso parte all'incisione del "Re Pastore" diretta da Adam Fischer con la Danish Radio Sinfonietta di Copenaghen.

• Vincenzo Scalera, pianista, è nato negli Stati Uniti da genitori italoamericani. Ha iniziato lo studio del pianoforte a cinque anni, per poi laurearsi presso la Manhattan School of Music di New York. Inizialmente ha lavorato come pianista presso l'Opera dello Stato di New Jersey. Dopo l'arrivo in Italia ha continuato gli studi musicali e nel 1980 ha iniziato a lavorare con il Teatro alla Scala di Milano come maestro collaboratore, curando la preparazione musicale di numerose produzioni e lavorando con prestigiosi direttori quali Claudio Abbado, Carlos Kleiber, Gianandrea Gavazzeni, Riccardo Chailly ed altri.
Ha collaborato con importanti festival, sia in Italia che all'estero (Edimburgo, Gerusalemme, Istanbul, Orange, Rossini Opera Festival di Pesaro, Festival della Valle d'Itria di Martina Franca etc.). Ha suonato nei maggiori teatri teatri e nelle principali istituzioni musicali italiane oltre che a New York, Londra, Parigi, Madrid, Barcellona, Bonn, Vienna, Tokyo, Lisbona e Mosca, accompagnando cantanti di fama internazionale come Carlo Bergonzi, Montserrat Caballé, José Carreras, Leyla Gencer, Raina Kabaivanska, Katia Ricciarelli, Renata Scotto, Cesare Siepi, Lucia Valentini Terrani, Leontina Vaduva, Sumi Jo, Juan Diego Florez e numerosi altri. Come cembalista ha partecipato alle incisioni de "La Cenerentola" ed "Il viaggio a Reims" dirette da Claudio Abbado per Deutsche Grammophon. La sua discografia comprende anche recitals con Carlo Bergonzi ("In Concerto" e "The Art of Bel Canto-Canzone"), José Carreras ("Live della Vienna Staatsoper" e "The Come Back Concerts"), Leyla Gencer ("Paris Recital 1981"), Renata Scotto (Liriche Complete di G. Verdi), Sumi Jo ("La Promessa"). Ha tenuto corsi per "maestro accompagnatore" alla Renata Scotto Opera Academy di Savona e dal 2003 insegna all'Accademia d'Arti e Mestieri del Teatro alla Scala di Milano.

• I biglietti per assistere al concerto sono in vendita presso la sede degli "Amici della Musica", in via Toscana n. 24/d - tel. 099.730.39.72 ed anche presso il "Box-Office" in via Anfiteatro n. 228/b - tel. 099.454.07.63 e "Basile strumenti musicali" in via Matteotti n. 14 - tel. 099.452.68.53.
Prezzi: si va da un minimo di 8,00 € ad un massimo di 25,00 € a seconda dell'ordine dei posti.
Info-line 099.7303972 e sul sito internet "Giovanni Paisiello Festival"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione