Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:43

Gravina - «I fratellini forse sono in pericolo»

Lo sostiene una "fonte riservata" intervistata dal programma tv "Chi l'ha visto?", in quanto non avrebbe dovuto trapelare l'ipotesi che Ciccio e Tore Pappalardi si trovano in Romania
ROMA - «Salvatore Pappalardi, il più piccolo dei fratelli scomparsi, sarebbe stato avvistato tre volte in Romania la scorsa estate, intorno a fine luglio, precisamente nella zona di Iasi, la città di 450mila abitanti, a Nord Est del paese neolatino, al confine con la Moldavia». Lo riferisce oggi la «Gazzetta del Mezzogiorno» riferendosi alla scomparsa di Francesco e Salvatore Pappalardi, fratellini di Gravina di Puglia, di cui non si hanno più notizie dal 5 giugno scorso, quando uscirono dalla casa del padre, Filippo Pappalardi, separato dalla madre dei due bambini, Rosa Carlucci. Solo pochi giorni fa il sindaco di Gravina Rino Vendola in una lettera alla stampa ha puntato l'attenzione sulla pista rumena per il ritrovamento dei fratellini.
«A confermare questa che rimane comunque un'ipotesi - scrive La Gazzetta del Mezzogiorno - tre riconoscimenti della foto di Salvatore, fatti da altrettanti testimoni, un mesetto fa, alla presenza di un inviato del programma Rai "Chi l'ha visto?" e di un altro uomo, forse un investigatore privato, comunque un informatore che potremmo definire la "fonte riservata" del sindaco di Gravina, Rino Vendola». «Nessun riconoscimento o avvistamento di Francesco - sottolinea La Gazzetta del Mezzogiorno - il maggiore dei fratellini scomparsi, almeno finora».
«La "fonte riservata" - prosegue La Gazzetta del Mezzogiorno - nell'intervista rilasciata a "Chi l'ha visto?" accusa il sindaco Rino Vendola: "Non avrebbe dovuto rivelare questa pista che finora era rimasta riservata, perchè così rischia di mettere in pericolo la vita di Francesco e Salvatore, che potrebbero avere incontrato persone senza scrupoli"». Come spiega il quotidiano, il sindaco di Gravina replica: «A mio parere non ci sono rischi di questo genere. Semmai queste presunte "accuse" da parte della fonte riservata o di chiunque sono la conferma che il mio intervento ha dato una sferzata alle indagini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione