Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 16:17

Agenda 21 - 164 comuni pugliesi a convegno a Bari

La Puglia è al terzo posto dopo Lombardia ed Emilia Romagna per le presenze di percorsi ambientali avviati dai Comuni: adesso bisogna avviare un percorso che porti alla nascita del coordinamento delle Agende 21 della Puglia per creare una rete
BARI - Sono 164 i comuni pugliesi che aderiscono al progetto di Agenda 21 Locale che sono stati invitati all'iniziativa prevista per i prossimi 27 e 28 ottobre presso la sede del Consiglio regionale su «Sviluppo sostenibile e agenda 21 locale in Puglia». Oggi il convegno è stato presentato presso la Regione dall'assessore all'Ecologia Michele Losappio, dal coordinatore del progetto Infea - informazione formazione educazione ambientale - prof.Vito Felice Uricchio e da Claudio Pedone, membro del direttivo del coordinamento delle Agende 21 locali italiane.
Alla prima giornata, venerdì, in programma nella sala del consiglio regionale, parteciperanno, tra gli altri, il sottosegretario all'Ambiente Laura Marchetti, il presidente del consiglio regionale Pietro Pepe, e il sindaco di Bari, Michele Emiliano. La seconda giornata, sabato, è prevista presso i saloni dell'hotel Excelsior in via Giulio Petroni 15.

«Dopo l'evento di Mediterre - ha ricordato Losappio - naturalmente con caratteristiche diverse ospitiamo un altro appuntamento di rilievo nazionale: un workshop sulla compatibilità ambientale nelle scelte delle amministrazioni. L'iniziativa vuole incanalare le forze della Puglia che esistono anche in maniera notevole, ma che sono un po' disperse, per poi confrontarle con le esperienze di altre regioni italiane. Recepire i suggerimenti della comunità per metterli in pratica è un ruolo importante e delicato. Finchè si tratta di disegnare un paesaggio vanno tutti bene, quando si devono compiere delle scelte la complessità e la contrapposizione tra gli interessi in campo rende difficile questa fase». «E' la prima volta - ha aggiunto Claudio Pedone - che la Regione Puglia aderisce alla Carta di Aalborg e al coordinamento nazionale delle Agende locali. Siamo partiti nel 2001: da 18 enti oggi nel coordinamento nazionale siamo 399. La Puglia è al terzo posto dopo Lombardia ed Emilia Romagna per le presenze di percorsi avviati dai Comuni: adesso bisogna avviare un percorso che porti alla nascita del coordinamento delle Agende 21 della Puglia per creare una rete».
Losappio ha poi annunciato che dal 6 al 12 novembre «è in programma la campagna Unesco «Energeticamente»: stiamo organizzando una serie di iniziative nelle 6 province per propagandare e motivare le scelte di energia alternativa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione