Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 22:50

Svaligiata casa del sindaco di Lecce

I ladri hanno agito con la fiamma ossidrica, per forzare la porta blindata e sono riusciti a portar via tutto quanto c'era di valore, per un danno economico e sentimentale notevole
LECCE - Un furto è stato messo a segno ieri sera a Lecce, nella villa di famiglia del sindaco Adriana Poli e del marito avvocato, Giorgio Bortone, ubicata alla periferia di Lecce, in una zona buia ed isolata. I ladri hanno agito con la fiamma ossidrica, per forzare la porta d'ingresso blindata.
La villa è stata svaligiata: sono stai portati via anche mobili, quadri e lampadari, oltre a preziosi ed argenteria per un ammontare imprecisato. Indagano gli agenti di polizia. Il furto è stato scoperto dal professionista ieri sera, al rientro dal suo studio nel centro storico di Lecce. Anche la moglie era in città, impegnata in una riunione politica.

E' ingente il valore degli oggetti rubati ieri sera a Lecce nella villa di famiglia del sindaco di Lecce Adriana Poli. A quanto si è appreso, i ladri hanno portato via anche mobili di antiquariato. La villa si trova a 5 chilometri da Lecce sulla provinciale Monteroni-Arnesano.
Comprensibilmente scossa per l'accaduto, il coordinatore regionale di Alleanza Nazionale non ha partecipato questa mattina a Bari alla conferenza stampa convocata dal gruppo consiliare di An alla Regione sul tema della Finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione