Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 02:13

Agricoltura - «Un fondo anti-calamità»

Questa la proposta operativa della Provincia di Bari in tema di emergenza agricola, in particolar modo, dopo i violenti nubifragi del 26 e 27 settembre scorsi
Maltempo BARI - La Provincia di Bari interviene con alcune proposte concrete in tema di emergenza agricola, in particolar modo, dopo i violenti nubifragi del 26 e 27 settembre scorsi che hanno colpito diversi Comuni del barese.
Le proposte sono state illustrate, nel corso di un incontro tenuto alla Provincia dal presidente, Vincenzo Divella, e dall'assessore alle Politche agricole, Anna Paladino, a cui hanno partecipato i sindaci dei Comuni di Sannicandro, Adelfia, Casamassima, Cellamare, Conversano, Gioia del Colle, Monopoli, Noci, Noicattaro, Putignano, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Sammichele di Bari, Triggiano, Turi, Acquaviva delle Fonti, Mola, Polignano e Valenzano.
All'incontro erano presenti anche le organizzazioni professionali e il Servizio agricoltura della Regione Puglia.
L'ipotesi avanzata dall'assessore Paladino, e accolta favorevolmente dai presenti all'incontro, prevede l'istituzione di un Fondo unità di crisi interistituzionale per dare un primo aiuto agli imprenditori agricoli che subiscono danni ingenti a causa di calamità naturali. Le risorse del Fondo dovrebbero prevedere una quota messa a disposizione da ogni Comune, delle cinque Province pugliesi e dalla Regione Puglia.
«Si tratterebbe di costituire - ha spiegato Divella - un "salvadanaio" su cui contare all'indomani della calamità, dando respiro agli agricoltori costretti, in questi casi, ad aspettare i tempi estremamenti lunghi previsti dal D.Lgs. 102 del 2004 che regola gli interventi finanziari per eventi eccezionali». «Una disponibilità economica - ha aggiunto l'assessore Paladino - che ogni Amministrazione potrebbe prevedere nel proprio bilancio rinunciando, ad esempio, alla partecipazione a Fiere e Mostre agricole internazionali o nazionali».
La proposta del Fondo unità di crisi sarà perfezionata in un prossimo incontro, tra circa 10 giorni, nel corso del quale la Regione Puglia farà il punto sulle procedure di accertamento dei danni subiti dalle aziende agricole a seguito degli ultimi nubifragi, così come previsto dalla Legge regionale 24 del '90; mentre, sempre su proposta della Provincia di Bari, gli imprenditori agricoli sono stati invitati a fornire ai Comuni di appartenenza i propri dati catastali così da rendere più celeri le stesse procedure di accertamento danni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione