Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 09:39

Rapina con omicidio a Foggia, 3 in manette

L'anno scorso - secondo la Mobile - Leonardo Gesualdo, Cristian Contini e Michele Speranza (tra i 18 e i 20 anni) fecero irruzione alla Tnt e spararono in pieno volto ad uno dei dipendenti
FOGGIA - Furono tre giovanissimi, uno addirittura all'epoca minorenne, gli autori della sanguinosa rapina ai danni di una ditta di spedizioni, la Tnt Global Express, che il 17 novembre del 2005 provocò la morte dell'impiegato Antonio Cassitti, 39 anni. Così ritiene la Squadra Mobile della Questura di Foggia che stamane ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di Leonardo Gesualdo, con precedenti penali per rapina, Cristian Contini e Michele Speranza, dai 18 ai 20 anni. Uno dei tre all'epoca era minorenne.

COME FU UCCISO LO SPEDIZIONIERE
Erano da poco passate le 18,30 del 17 novembre dello scorso anno quando nell'agenzia di spedizioni della Tnt in via Manfredonia a Foggia si stavano facendo gli ultimi conti prima di chiudere. Tre persone, con il volto coperto da un passamontagna, una armata di un fucile e due di pistole, fecero irruzione nell'azienda.
Un malfattore armato di fucile si diresse verso i capannoni dove si trovavano alcuni dipendenti e, imbracciando l'arma, intimò di stendersi a terra mentre gli altri due complici si diressero verso uno dei tre uffici della ditta, tutti comunicanti tra loro. L'uomo armato di fucile entrò in una stanza dove vi erano alcuni dipendenti, tra cui Antonio Cassitti, 39 anni, impegnato alla fotocopiatrice e di spalle al bandito che, si girò verso il rapinatore che, forse per paura, sparò uno, due colpi di fucile. Un proiettile raggiunse Cassitti in pieno volto, uccidendolo.
I banditi fuggirono a bordo di una Fiat Uno di colore bianco ritrovata dopo qualche giorno in via Loffredo, al Rione Martucci, a poca distanza dal luogo della mortale rapina.
L'omicidio dello spedizioniere scosse tutte le istituzioni, tanto che polizia e carabinieri, nel corso di numerosi incontri con la stampa hanno sempre ricordato che il più grande rammarico era quello di non aver assicurato alla giustizia gli assassini di Antonio Cassitti.
Ma se quella morte tragica scosse le istituzioni, che si strinsero intorno alla moglie e al piccolo figlio, non si può dire la stessa cosa per la città di Foggia. Durante la marcia organizzata dalle scuole del capoluogo dauno per ricordare quel terribile omicidio c'erano poche persone: qualche scolaresca e i rappresentanti delle istituzioni. Pochi, pochissimi i commercianti che accolsero l'invito dell'amministrazione comunale ad abbassare le saracinesche al passaggio del corteo.

QUESTORE: UN LAVORO ECCEZIONALE LO DOVEVAMO A TUTTI GLI ANTONIO CASSITTI DI QUESTA CITTA'
Il questore di Foggia, Stefano Cecere, comprensibilmente soddisfatto dopo gli arresti dei presunti responsabili dell' omicidio Cassitti ha detto all' Ansa che «l'omicidio di Antonio Cassitti non poteva e non doveva rimanere impunito. Lo dovevamo alla moglie, al figlioletto e ai genitori ma non solo a loro, lo dovevamo a tutti i Cassitti di questa città, lavoratori onesti che non possono rischiare la loro vita sul posto di lavoro». «La squadra mobile - ha concluso il questore - ha fatto veramente un lavoro eccezionale».
Alcuni mesi fa, in una delle sue ultime dichiarazioni a proposito dell'omicidio, il questore Stefano Cecere aveva affermato: «Non so se riusciremo a scoprire gli assassini di Cassitti, ma non c'è giorno della settimana, feriale o festivo, che non passiamo ad indagare sul caso. E' un chiodo fisso di tutta la Questura», e in quella stessa circostanza sottolineò che si trattava di «omicidio eccellente». «Hanno ammazzato una persona normale, onesta, attaccata alla famiglia e al lavoro - sottolineò il questore - Hanno ucciso uno come noi. Colpendo lui hanno colpito ciascuno di noi». L' identificazione dei responsabili era una sorta di promessa fatta dagli investigatori non solo alla moglie e al figlioletto della vittima, ma anche alla città, all'opinione pubblica rimasta scossa dall'uccisione del dipendente della ditta di spedizioni Tnt di Foggia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione