Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 02:01

Camion sui binari - Pm ipotizza omicidio colposo

E' indagato il datore di lavoro dell'autista del tir. La Procura: è un atto dovuto per poter svolgere l'autopsia sulla vittima. Nell'incidente rimasero feriti 74 passeggeri del treno
BARI - E' indagato per omicidio colposo il datore di lavoro dell'autista del camion che l'8 settembre scorso è morto dopo che il suo mezzo, dopo un volo da un cavalcavia, è finito sui binari delle Ferrovie Appulo Lucane (Fal) ed è stato travolto da un treno regionale in corsa partito da Matera e diretto a Bari. Nell'incidente, avvenuto alla periferia di Grumo Appula (Bari) - secondo fonti della Procura - sono rimasti feriti o contusi 74 passeggeri del treno.
L'iscrizione dell'imprenditore nel registro degli indagati - viene precisato - è un atto dovuto per poter svolgere l'autopsia sulla vittima: l'esame autoptico sarà compiuto il 19 settembre prossimo dal medico legale dell'università di Bari, Francesco Vinci, e dal tossicologo Roberto Gagliano Candela. La vittima, Aziz Mautazzakki, marocchino di 38 anni residente a Gravina in Puglia (Bari), lavorava per conto di una società di Altamura (Bari) e, al momento dell'incidente, trasportava un carico di legname con scarti delle lavorazioni di un salottificio. L'autopsia - fanno notare gli inquirenti - si svolgerà tra una settimana per consentire la notifica degli atti ai parenti della vittima, che vivono in Marocco.
All'attenzione del pm inquirente del Tribunale di Bari, Isabella Ginefra, c'è anche la ricostruzione della dinamica dell'incidente e la definizione del rapporto di lavoro tra la vittima e la società per cui lavorava. Per risalire alle cause dell'incidente il magistrato ha disposto per la prossima settimana un accertamento cinematico; per esaminare il rapporto di lavoro ha invece delegato indagini ai militari della guardia di finanza e agli uomini dell'ispettorato del lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione