Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 06:39

«L'Ue può sconfiggere il fondamentalismo»

Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo ai lavori delle Giornate organizzate dalla Regione Puglia sul tema dei Balcani. Firmato protocollo d'intesa con il governo della Macedonia
BARI - «L' Europa può sconfiggere le storie del passato e i fantasmi del presente, l' odio, il fondamentalismo, i conflitti interetnici, i conflitti interreligiosi, costruendo una unità politica che consente la vittoria della mediazione, del pluralismo, della convivenza civile». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo ai lavori della seconda delle tre Giornate organizzate dalla Regione Puglia sul tema dei Balcani nell' ambito della Fiera del Levante. Le tre Giornate - una dedicata all' Albania, un' altra alla Macedonia e l' altra, quella di domani, al Montenegro - si concluderanno con un Forum, in programma domani, al quale parteciperà il ministro degli Esteri, Massimo D' Alema. La Puglia ha siglato oggi un protocollo d' intesa con il governo della Macedonia, siglato dalla Regione Puglia e dal vice primo ministro macedone Zivko Jankulovski. «E' l' avvio - ha detto Vendola - di rapporti di cooperazione. Noi abbiamo realtà con cui i rapporti di collaborazione e cooperazione sono antichi e consolidati e la nostra intenzione è quella di implementarli. E invece per Paesi come la Macedonia i rapporti sono nella loro fase iniziale, e sono rapporti per noi fondamentali perchè si tratta di sviluppare la conoscenza reciproca con ogni segmento della realtà balcanica».
Con la Puglia la Macedonia comincerà un percorso di cooperazione culturale; poi, già dall' anno prossimo, l'intento è di varare «azioni buone», così le ha definite Vendola, per quanto riguarda la cooperazione nell' agroalimentare. «Tutto questo - afferma Vendola - in una cornice più generale che è quella della nostra battaglia concreta per il Corridoio 8, cioè per quel pacchetto di infrastrutture materiali e immateriali che possano rappresentare una saldatura forte tra una sponda e l' altra dell' Adriatico. Questo, dentro la prospettiva di un completamento del processo di integrazione europea che preveda come una nuova chances, un arricchimento, anche la presenza di tutti i Balcani».
«Le prime misure del nuovo governo della Macedonia - ha detto Jankulovski - sono state dirette a rendere possibile l' ingresso di investimenti dall' estero tramite garanzie riguardanti la stabilità del Paese e la sicurezza. Nello stesso tempo si offrono diritti uguali per gli investitori stranieri, diritti uguali per l' imprenditoria privata». «Nella prima seduta del nuovo governo della Macedonia - ha aggiunto il Vice ministro - è stata diminuita l' Iva sui prodotti agroalimentari, che è passata dal 18% al 5% proprio per rendere più sicura la produzione, perchè questi prodotti possano essere presenti anche sui mercati europei. E' importante la cooperazione per gli scambi commerciali, soprattutto nel settore agroalimentare, il cuoio, il pellame». «In questo momento - ha proseguito - l' Italia è al quarto posto per quanto riguarda gli scambi commerciali. Ma una cosa è certa: noi siamo molto interessati allo sviluppo della nostra cooperazione ma auspichiamo con forza che il Corridoio 8 cominci a funzionare. Certamente saremo più vicini».
«La Puglia - ha ricordato l' assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, Silvia Godelli - sta sostenendo un programma complessivo sulla cooperazione e sui finanziamenti della nuova programmazione dell' Unione europea per una fortissima relazione tra il nostro sistema territoriale, economico e culturale e l' area Balcanica, all' interno di un programma più generale che è quello dell' integrazione dei Balcani in Europa e nell' Unione Europea». «La Puglia - ha continuato Godelli - sta costruendo relazioni molto intense sul bacino adriatico e sul bacino mediterraneo meridionale che vogliamo interconnettere, e pensiamo che proprio la Puglia possa essere realmente promotrice di questo processo di sviluppo e di integrazione».
Nel corso della Giornata dedicata alla Macedonia si sono tenuti anche incontri bilaterali tra imprenditori macedoni e italiani, curati da Ufficio Ice di Bari, Assindustria-Bari, Borsa Affari della Fiera del Levante, e Camera di Commercio Italo-Orientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione