Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 03:01

«L'America è un pezzo di Puglia»

Lo ha detto il presidente della Regione, Nichi Vendola, incontrando l'ambasciatore Usa in Italia, Ronald Spogli. Il primo di tanti incontri per sviluppare temi comuni
BARI - «L'America è non solo un pezzo fondamentale del nostro immaginario, ma anche un luogo della vita di tanti pugliesi, a partire da quanti nel novecento sono andati lì e hanno contribuito alla crescita e alla ricchezza del Paese. Negli Stati Uniti c'è un pezzo di Puglia». Lo ha detto il presidente della Regione, Nichi Vendola, che stamani ha ricevuto l'ambasciatore Usa in Italia, Ronald Spogli, accompagnato dal console generale a Napoli, Suneta Halliburton.
«All'ambasciatore - ha detto Vendola parlando con i giornalisti dopo l'incontro - abbiamo cercato di spiegare qual è la politica della Regione Puglia, il rapporto con il Mediterraneo e soprattutto quel sentimento di amicizia che intendiamo sviluppare al massimo grado con qualunque popolo». «Oggi - ha continuato Vendola - è stato un primo passo, un incontro formale e amichevole nello stesso tempo, propedeutico a poter immaginare con coraggio e fantasia percorsi comuni».
«Mi auguro - ha detto l'ambasciatore Spogli - che sia il primo di tanti altri incontri per approfondire i temi che abbiamo toccato. Sono qui a Bari per la mia prima visita ufficiale in veste di ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, ma in passato da ricercatore ho avuto il piacere di essere in Puglia, a San Severo, per studiare il fenomeno dell'immigrazione dal Sud al Nord degli anni settanta».
A proposito dei progetti comuni, Vendola ha sottolineato che «occorre un rapporto più stringente con la comunità dei pugliesi negli Stati Uniti: i nostri corregionali possono essere i più efficaci sponsor del nostro territorio. E poi c'è da continuare, rendere sistematico quel lavoro che è l'apertura del mercato americano ai prodotti della nostra filiera agroalimentare. Il nostro olio e i nostri vini possono guadagnare molto più spazio di quanto non abbiano già fatto finora». «Possiamo inoltre creare percorsi interessanti sul tema dell'energia - ha concluso - negli Stati Uniti a partire dalla California sulle energie alternative ci sono esperienze non solo di studio e ricerca ma anche di applicazione industriale a cui guardiamo con grandissima attenzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione