Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 16:50

Vendola: «Occorrono relazioni industriali serene all'Ilva»

Lo afferma il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, all'indomani della revoca dei tre licenziamenti per tre operai dello stabilimento siderurgico di Taranto
BARI - «La ripresa di normali relazioni industriali negli stabilimenti Ilva di Taranto è indispensabile per il positivo completamento del percorso concertativo sul piano industriale, sugli impegni legati all'ammodernamento e all'ambientalizzazione della fabbrica, sugli obiettivi inderogabili di abbattimento dei fattori di insicurezza e di pericolosità delle condizioni di lavoro». Lo afferma il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, all'indomani della revoca dei tre licenziamenti per tre operai dell'Ilva di Taranto. Per il governatore regionale «i sindacati sono il perno fondamentale dell'Ilva, sono i garanti assoluti dei diritti dei lavoratori, sono l'anello decisivo dei processi partecipativi nella vita dell'azienda. Le tensioni e i conflitti che hanno lacerato i rapporti tra sindacato e dirigenza Ilva, nel corso delle ultime settimane, hanno rappresentato una battuta di arresto del processo di ridefinizione del futuro industriale del gruppo».
«Occorre tornare ad un clima più sereno,- prosegue Vendola- nella consapevolezza che davanti a noi è aperta una sfida gigantesca: coniugare lavoro e salute, economia e ambiente, nel cuore di una delle più grandi fabbriche del Sud». Secondo il presidente della Regione «per favorire il ritorno ad un clima più disteso, ho deciso quindi, di concerto con il presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Florido, il rinvio di una settimana della riunione del tavolo tecnico già convocata per il prossimo 4 settembre presso la Prefettura di Taranto. Chiedo infine ai sindacati metalmeccanici e confederali un incontro presso la Presidenza regionale a Bari per il prossimo giovedì 7 settembre alle ore 14».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione