Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:17

Immigrati, 3 centri pilota negli agri di Foggia

L'idea è quella di creare un albergo diffuso: piccoli nuclei abitativi da realizzare possibilmente nelle borgate e nelle zone dove si concentra l'attività dei lavoratori agricoli stranieri
FOGGIA - «Con la nascita dei centri di prima accoglienza per i lavoratori immigrati sperimenteremo in Capitanata un modello forte di integrazione e civiltà». Così l'assessore regionale all'immigrazione, Elena Gentile, ha definito il significativo progetto della Regione Puglia che consentirà la creazione di tre centri negli agri di Foggia, San Severo e Cerignola dove è maggiore - specie nel periodo estivo - il flusso di lavoratori agricoli stranieri. Proprio per coordinare tempi e modalità degli interventi, si è svolto questa mattina, nella sala Giunta di Palazzo di città, un incontro con la Regione - rappresentata dall'assessore Gentile - e gli amministratori dei comuni coinvolti: Michele Del Carmine e Assunta Pinto, assessori all'immigrazione e alle politiche sociali del Comune di Foggia, il sindaco di Cerignola, Matteo Valentino e Paola Marino, assessore all'immigrazione di San Severo. L'idea tracciata è quella di creare un albergo diffuso: piccoli nuclei abitativi da realizzare possibilmente nelle borgate e nelle zone dove si concentra l'attività dei lavoratori agricoli stranieri. Spetta ai comuni interessati individuare le strutture in grado di rispondere a tali esigenze, senza escludere la possibilità di creare strutture ex novo o di installare moduli abitativi mobili purchè siano decorosi e accoglienti. 300 mila euro da ripartire, in uguale misura, tra i tre comuni: è l'ammontare del finanziamento previsto dal piano regionale 2006 degli interventi a favore degli immigrati, approvato ad agosto scorso dalla Giunta regionale.(AGI) Red/Tib (Segue) 011605 SET 06
IMMIGRATI: DA REGIONE 300MILA EURO PER CPA LAVORATORI AGRICOLI (2) (AGI) - Foggia, 1 set. -Fondi che, nelle intenzioni della Regione, verranno incrementati utilizzando i finanziamenti comunitari Por 2007/2013. «Come si evince dal documento strategico - ha specificato l'assessore Gentile - il governo regionale intende destinare il 9% delle risorse comunitarie alle infrastrutture sociali». I tre centri di accoglienza rappresentano un progetto pilota attraverso il quale la Regione e i comuni di Foggia, Cerignola e San Severo - concertando azioni ed iniziative anche con gli imprenditori agricoli locali - intendono «creare le migliori condizioni affinchè gli immigrati si interfaccino con la comunità ospitante nel reciproco rispetto delle norme di convivenza e delle culture», ha dichiarato l'assessore Michele Del Carmine, impegnato nella promozione di svariate iniziative - dal centro interculturale per gli immigrati allo sportello informativo per i detenuti stranieri - volte alla creazione di una città solidale ed interculturale. «I lavoratori immigrati - ha precisato l'assessore regionale Gentile - costituiscono un valore aggiunto importante per l'economia di Capitanata, quasi esclusivamente a vocazione agricola. Compito degli enti locali, tale progetto lo dimostra, è quello di individuare le forme giuste e opportune per una integrazione senza che la stessa scompensi la convivenza civile». Argomento, questo, destinatario di mirate iniziative promosse dalla Fondazione regionale «Puglia aperta e Solidale», che diventerà operativa entro fine anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione