Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 09:33

Polizia arresta finti poliziotti

A Taranto, avrebbero fermato un giovane e, qualificandosi come agenti, avrebbero preteso la consegna del suo portafogli. Nel mentre, però, è arrivata una pattuglia e i due sono stati acciuffati
TARANTO - Si fingono poliziotti per rapinare, ma vengono arrestati poco dopo da veri agenti. Questa la ricostruzione degli agenti (quelli veri) secondo cui Agostino Antonante e Pietro Lappo, rispettivamente di 22 e 19 anni, la scorsa notte, in Viale Liguria angolo via Lazio, con un'auto avrebbero bloccato un giovane che viaggiava a bordo di una BMW, senza sapere che qualcuno aveva segnalato l'episodio al «113». Pochi minuti dopo, infatti, i poliziotti sono giunti sul posto e sorpreso i due che riferivano di essersi fermati a discutere con un loro amico. Il malcapitato li ha smentiti e denunciato che gli sconosciuti invece lo avevano inseguito con la vettura e costretto a fermarsi. Una volta scesi dall'automobile, senza esibire alcunchè - è la versione del giovane - si erano qualificati per poliziotti, intimandogli di consegnare loro il portafogli. Insospettito dall'insolita circostanza l'automobilista aveva opposto un netto rifiuto a cui seguiva la violenta reazione di uno dei due, mentre l'altro aveva tentato invano di appropriarsi del borsello contenuto nel vano portaoggetti dell'auto. Pertanto i due sono stati arrestati con l'accusa di tentata rapina in concorso, violenza privata, lesioni personali e usurpazione di titolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione