Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 10:56

Calcio - Sì a ricorso di Lecce e Avellino

Per la Commissione d'appello federale in caso di retrocessione della Reggina i due club beneficerebbe di una nuova classifica. «No» a Brescia e Treviso
ROMA - La Commissione d'appello federale, presieduta dall'avvocato Sergio Artico, ha accolto la richiesta di Lecce ed Avellino di entrare nel procedimento per presunto illecito sportivo a carico della Reggina, come società terze interessate. Dal processo, in svolgimento presso la sede della Federcalcio, sono state invece escluse Treviso e Brescia.
L'udienza è stata quindi nuovamente sospesa, su richiesta dei legali del Lecce, per poter prendere visione del fascicolo processuale.
La Caf, nell'ammettere Lecce ed Avellino al procedimento, ha stabilito che i due club «appaiono essere portatori dell'interesse di cui all'articolo 29, comma 3, del CGS, perchè l'interesse - ancorchè indiretto - deve essere attuale ed apprezzabile concretamente». Per quanto riguarda, invece, Brescia e Treviso il presidente Artico ha stabilito che «la classifica dei campionati di serie A e B per le stagioni sportive 2004-'05 e 2005-'06 non appare suscettibile di riflessi sulle società Brescia e Treviso, in relazione all'oggetto del presente procedimento».
In sostanza la Caf ha accettato le istanze di Avellino e Lecce perchè in caso di retrocessione della Reggina i due club beneficerebbe della nuova classifica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione