Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 15:43

Vittime dell'Atr Bari-Djerba ricordate a Palermo

Il momento più toccante della breve cerimonia che si è svolta al largo della costa palermitana quando, dalla motovedetta, Maria Grazia, 12 anni, ha preso la rosa che si era portata con sè e l'ha gettata in mare: «Ciao papà»
PALERMO - Quando la motovedetta s'è fermata le hanno fatto segno e lei, Maria Grazia, 12 anni, ha preso la rosa che si era portata con sè e l'ha gettata in mare: «Ciao papà». E' stato questo il momento più toccante della breve cerimonia che si è svolta al largo della costa palermitana per ricordare le vittime del disastro aereo di Capo Gallo di un anno fa, con 16 morti e 23 superstiti.
Maria Grazia era accompagnata dalla nonna Grazia Cardone che nei giorni seguenti alla strage si batte strenuamente chiedendo alle istituzioni di non fermare le ricerche dei dispersi, tra cui c'era il figlio e padre della bimba, Raffaele Ditano, il cui corpo fu poi recuperato a oltre 1.400 metri di profondità.
A causa delle cattive condizioni meteo-marine - a Palermo soffia un forte vento e il mare è grosso - le due motovedette della Guardia costiera con i parenti delle vittime a bordo si sono fermate a poco più di un miglio a nord del porto di Palermo. Alle 15.45, l'ora in cui l'Atr 72 della Tuninter partito da Bari e diretto a Djerba precipitò nelle acque palermitane, i parenti delle vittime e le autorità presenti hanno lanciato le corone di fiori. Le due motovedette poi hanno fatto ritorno in porto. Alle 19 è prevista una cerimonia nell'aula consiliare del comune di Palermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione