Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 01:11

Montezemolo voleva un ulivo, ora ha un bonsai

Il presidente di Confindustria aveva espresso il desiderio di possedere un ulivo secolare pugliese. L'assessore all'Agricoltura della Regione gli ha inviato un bonsai, per non rovinare il paesaggio
BARI - L'assessore all'Agricoltura della Regione Puglia, Enzo Russo, ha inviato nei giorni scorsi un ulivo bonsai al presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo che nel corso di una recente visita allo stabilimento Alenia di Grottaglie, in provincia di Taranto, aveva espresso il desiderio di poter avere un ulivo secolare pugliese.
«La richiesta del presidente Montezemolo - ha detto Russo - non poteva essere soddisfatta perchè è in contraddizione con quanto da me sostenuto per la tutela e la salvaguardia del territorio pugliese, ed in particolare per gli alberi di ulivo secolari e monumentali oggetto di un recente disegno di legge. Tuttavia simile richiesta non poteva rimanere insoddisfatta e pertanto ho provveduto ad inviare un ulivo bonsai invitandolo a visitare la nostra regione e i nostri monumenti architettonici e "paesaggistici". Il presidente Montezemolo - conclude l'assessore - ha espresso il suo vivo ringraziamento e presto verrà in Puglia per approfondire la conoscenza di una delle più importanti risorse del nostro territorio».
Nei giorni scorsi il presidente pugliese Nichi Vendola ha presentato un disegno di legge sulla tutela degli ulivi secolari e plurisecolari, di cui nella regione esistono diverse migliaia di esemplari, che prevede multe salate per chi sradica gli alberi e un progetto di valorizzazione turistica e incentivi agli agricoltori. L'iniziativa serve a frenare il grave fenomeno del taglio e dell'esportazione verso il nord delle preziose e pittoresche piante che spesso vano ad adornare le ville private.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione