Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:54

Intesa per aree protette Brindisine

I Comuni di Brindisi e di San Pietro Vernotico hanno fatto un accordo per la gestione, in forma associata, dell'area protetta naturale «Bosco di Cerano»
BRINDISI - Si è tenuta stamani a Palazzo di Città, la firma del protocollo d'intesa tra i Comuni di Brindisi e di San Pietro Vernotico per la gestione, in forma associata, dell'area protetta naturale «Bosco di Cerano». Le due Amministrazioni comunali, in sostanza, con proprie delibere e su sollecitazione della Regione Puglia, hanno approvato lo schema di convenzione per la gestione dell'area protetta regionale «Bosco di Cerano» che ricade per il 92,2% della superficie nel Comune di San Pietro e per il 7,7% nel Comune di Brindisi. Con legge regionale n. 10 del 2002, invece, la gestione delle aree protette regionali monocomunali «Parco Naturale regionale Saline Punta della Contessa» e «Riserva naturale regionale orientata Boschi di Santa Teresa e dei Lucci», situate interamente nel Comune di Brindisi, è affidata al Comune di Brindisi che è individuato quale ente di gestione.
La gestione della «Riserva naturale regionale Bosco di Cerano» è affidata congiuntamente ai Comuni di Brindisi e di San Pietro Vernotico che coordineranno i propri interventi. Con la sottoscrizione della convenzione odierna, parte ufficialmente il progetto «Conosciamo le aree protette», finanziato dalla Regione Puglia per un importo complessivo pari a 99mila euro. Per tale progetto sono stati previsti due assi di intervento: «Promozione e conoscenza delle arre protette» e «Tutela e difesa del territorio» (manutenzione della viabilità interna alle aree protette e tabellazione informativa del parco). Per quanto riguarda la prima iniziativa, la stessa coincide con «Mediterre», la manifestazione internazionale tematica sui parchi e sulle aree protette che avrà luogo a Bari nel settembre prossimo e che vedrà la partecipazione di scolaresche della città di Brindisi e di San Pietro, impegnate in attività comuni con li loro colleghi pugliesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione