Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:40

Pedofilo arrestato a Gravina di Puglia

È un trentasettenne che vive di lavori saltuari: le vittime, due ragazzini di età inferiore ai 14 anni. Per ora, non sembra coinvolto con la scomparsa dei due fratellini di 11 e 13 anni
Gravina di Puglia GRAVINA IN PUGLIA (Bari) - Un uomo di 37 anni, Francesco Laddaga, è stato arrestato dalla Polizia a Gravina in Puglia con l'accusa di avere compiuto e tentato di compiere in diverse occasioni violenza sessuale nei confronti di due ragazzini di età inferiore ai 14 anni. L'arresto è stato compiuto in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare e la vicenda è stata ricostruita nel contesto delle indagini sulla scomparsa dei Francesco e Salvatore Pappalardi, i due fratellini scomparsi da Gravina il 5 giugno scorso.
Però, secondo quanto riferiscono gli investigatori, non vi è alcun elemento che consenta di collegare Laddaga alla loro scomparsa.
Secondo l'accusa, l'uomo (che vive di lavori saltuari) adescava i ragazzini per strada offrendo loro del denaro, obbligandoli a rapporti orali e ricattandoli perché non rivelassero nulla. Secondo la Polizia, gli incontri avvenivano alla periferia del paese, nei pressi del Ponte Vecchio che attraversa la gravina (la vasta frattura naturale a ridosso dell'abitato) o negli anfratti, nelle grotte o nei ruderi circostanti.
Quella della pedofilia è una delle piste seguite dagli investigatori nell'ambito delle indagini sulla scomparsa dei due fratellini. Ma tutt'oggi, a quasi due mesi dall'ultima volta che "Ciccio" e "Tore" sono stati visti, rimane una pista senza riscontri così come tutto il ventaglio delle altre ipotesi, che vanno dall'incidente, all'allontanamento volontario con l'aiuto di qualche conoscente o amico di famiglia sino al rapimento, che finora sono state messe in campo e mai definitivamente escluse.
Mentre le indagini continuano, proseguono anche le ricerche nella zona attorno a Gravina. Da diversi giorni vengono impiegati anche cani da maceria del corpo forestale dello Stato, specializzati nella ricerca di persone sotterrate.
In questi giorni sono state ribattute le zone impervie della gravina a ridosso dell'abitato, la vasta frattura naturale particolarmente impervia e ricca di anfratti e grotte, e da oggi le ricerche si sono nuovamente spostate nella zona del bosco comunale, già ispezionata nei primi giorni successivi alla scomparsa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione