Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:42

Protezione a eco-aree mediterranee

Ha preso il via all'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari un progetto per la gestione integrata e sostenibile di nove aree ad alto valore ambientale individuate in altrettanti Paesi mediterranei
VALENZANO (Ba) - Ha preso il via all'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari del Ciheam l'attuazione di un progetto per la gestione integrata e sostenibile di nove aree ad alto valore ambientale individuate in altrettanti Paesi mediterranei: Italia, Grecia, Turchia, Israele, Palestina, Egitto, Libia, Malta e Cipro. Denominato "INNOVA" il progetto è stato promosso dalla Regione Puglia nell'ambito del programma Interreg 3 B "Archipelago Mediterraneo". Ad attuarlo saranno, con l'Iam di Bari, l'Università e il Politecnico di Bari, l'Università di Lecce e istituzioni governative e scientifiche dei Paesi interessati. Il progetto è stato fortemente voluto dalla Regione Puglia, in particolare dall'Assessorato al Mediterraneo e dall'Assessorato all'Ecologia, che opera come capofila.
Obiettivo del progetto è la protezione delle aree individuate (tra cui le Paludi e il Bosco di Rauccio, in provincia di Lecce) definendo linee guida comuni per il monitoraggio, la pianificazione e la gestione dell'eco-regione mediterranea. Una rete internazionale di agenzie politico-amministrative e scientifiche avrà la responsabilità di gestire le nove aree e sarà supportata da un sistema informatico. Sarà anche istituito un tavolo permanente di consultazione.
I rappresentanti delle istituzioni dei nove Paesi che attueranno il progetto si sono dati appuntamento all'Iam di Bari per definire, in due giorni di lavoro, le attività da svolgere ed i relativi tempi. Al progetto hanno aderito anche Siria e Libano, ma i loro rappresentanti non hanno potuto, per le tragiche vicende in atto, essere presenti a Bari. Ad aprire i lavori sono intervenuti la Vice Presidente del Ciheam Giuliana Trisorio Liuzzi e, per la Regione Puglia, l'Assessore all'Ecologia Michele Losappio e l'Assessore al Mediterraneo Silvia Godelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione