Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 15:42

Libano - Dalla Puglia nuova missione-salvezza

La Marina militare ha fatto salpare da Brindisi la nave anfibia "S. Giorgio" e da Taranto la fregata "Aliseo": le due unità si affiancheranno nel Mediterraneo e sabato mattina sono attese nel porto di Beirut per l'evacuazione di altri profughi italiani. Giovedì mattina invece il cacciatorpediniere "Durand de la Penne" - di ritorno da Cipro - è atteso nel porto arabo per un secondo imbarco di fuggitivi • È ormai guerra senza limiti (foto Marina militare italiana)
Nave San Giorgio È salpato il gruppo navale italiano - composto da due unità della Marina militare - che raggiungerà le acque antistanti il porto di Beirut per partecipare alle operazioni di eventuale evacuazione di nostri connazionali dal Libano.
Secondo quanto si è appreso da fonti della Marina, la nave anfibia "S. Giorgio" è partita intorno alle 15,30 da Brindisi, mentre la fregata "Aliseo" ha lasciato alle 13 il porto di Taranto.
Dopo che si saranno ricongiunte, dirigeranno insieme verso le acque internazionali davanti a Beirut, dove è previsto il loro arrivo sabato mattina.
Fregata Aliseo Dovrebbero rilevare il cacciatorpediniere "Durand De La Penne", che è già intervenuto in favore degli italiani che hanno lasciato il Libano e che domani mattina tornerà nel porto della capitale libanese per imbarcare altri profughi italiani. La prima missione del caccia è stato il trasbordo dei fuggitivi da Beirut a Cipro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione