Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 13:47

Bari - Esami comprati e minacce

Dalle intercettazioni risulta non solo la compravendita di esami, ma anche minacce da parte di bidelli a studenti in difficoltà che erano così indotti a pagare per un aiuto
BARI - «Non riuscirai mai a superare esami difficili come questo, passerai la vita a provare senza successo». Dicevano così - secondo le indagini dei carabinieri - alcuni bidelli della facoltà di economia dell'università di Bari quando avvicinavano gli studenti che avevano difficoltà a superare esami ritenuti difficili come matematica e diritto commerciale. E a chi tentava di resistere all'invito a pagare dicevano senza mezzi termini: «Se fai resistenza non solo non ti aiuterò ma ti intralcerò».
I nuovi particolari trapelano dall'indagine coordinata dal pm inquirente della Procura di Bari, Francesca Romana Pirrelli, sulla presunta compravendita di esami alla facoltà di Economia nella quale sono indagati per concussione una decina tra bidelli, funzionari amministrativi e due docenti, mentre un altro professore risponde solo di falso.
Nelle ultime ore i carabinieri del reparto operativo di Bari hanno ascoltato cinque studenti greci che si sono iscritti alla facoltà barese perchè nel loro paese la facoltà di economia (come tante altre) è a numero chiuso. I cinque hanno ammesso di essere stati avvicinati da alcuni bidelli e di essere stati vittime di intimidazioni e del perverso meccanismo criminale che veniva messo in atto nei confronti di studenti in difficoltà, in particolar modo degli stranieri che avevano problemi con la lingua italiana.
Dall'istruttoria finora compiuta è emerso che uno studente ha sborsato 15.000 euro per superare una serie di esami.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione