Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 13:03

Bari - Ultimi ritocchi per Premio Tatarella

Giunto alla sua IX edizione il premio letterario avrà la sua serata conclusiva con le premiazioni giovedì 20 luglio alle 20,30 nel Parco 2 giugno. Cinque i finalisti
BARI - Fervono gli ultimi preparativi della serata finale del premio letterario «Città di Bari-Pinuccio Tatarella», giunto alla sua IX edizione. Confermata nella sostanza la fortunata formula sperimentata lo scorso anno con una manifestazione aperta al pubblico nel Parco 2 giugno che si terrà giovedì 20 luglio alle 20,30.
A condurre la serata sarà il giornalista del Tg3 Maurizio Mannoni, con la collaborazione di Anna Maria Minunno per Antenna Sud, che trasmetterà l'evento in diretta. Nel corso della serata, mentre un notaio ed un funzionario del Comune spoglieranno le numerose schede-voto già pervenute alla segreteria dell'assessorato alle Culture, si alterneranno sul palco i cinque scrittori finalisti del Premio: Osvaldo Capraro (Nè padri nè figli), Elena Gianini Belotti (Pane Amaro), Claudio Piersanti (Il ritorno a casa di Enrico Metz), Tommaso Pincio (La ragazza che non era lei), Ugo Ronfani (Memoriale delle caverne), già conosciuti al pubblico barese grazie agli incontri di «Scritture al Fortino», la manifestazione realizzata nei mesi di maggio e giugno, grazie alla collaborazione della Facoltà di Lettere dell'Università di Bari.

Le pagine dei romanzi finalisti entreranno in scena con le voci recitanti di Carmela Vincenti e Totò Onnis, mentre alcuni brani musicali saranno eseguiti al pianoforte da Angela Annese, docente al Conservatorio «Niccolò Piccinni» di Bari. Ospite straniero di questa edizione lo scrittore ungherese Pèter Esterhazy, vincitore del Premio Speciale Giuria come «autore straniero, le cui opere hanno contribuito in maniera rilevante alla rappresentazione della cultura nel suo Paese». Intanto i componenti della Giuria tecnica e del comitato scientifico stanno esaminando una settantina di recensioni giunte dagli studenti medi e universitari della giuria popolare.

Cinque di loro riceveranno un Premio alla Lettura consistente in un assegno-studio del valore di trecento euro. Decisivi per l'esito della serata soprattutto i giurati popolari: a decretare il super vincitore infatti, i lettori, gruppo composto da studenti delle scuole medie superiori, studenti universitari della Facoltà di Lettere dell'Università di Bari, studenti stranieri ospiti a Bari nell'ambito del progetto Erasmus ed esponenti di alcune associazioni culturali cittadine, che esprimendo la loro preferenza con un voto consegnato in forma anonima alla segreteria del Premio, decretano l'opera vincitrice del il superpremio finale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione