Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:31

San Severo - Arrestato direttore Inps

Salvatore Prencipe anche vicesindaco del comune di Torremaggiore (Foggia), e sua moglie Teresa Rengoli funzionaria del settore pensionistico Inps, sono ai domiciliari
SAN SEVERO (FOGGIA) - Con l'accusa di aver chiesto e ottenuto denaro per evitare controlli in aziende agricole sono stati arrestati il direttore della sede Inps di San Severo, Salvatore Prencipe, di 61 anni, vicesindaco del comune di Torremaggiore (Foggia), e sua moglie Teresa Rengoli di 60, dipendente dello stesso ente e funzionaria del settore pensionistico. Nei loro confronti è stata eseguita dalla guardia di finanza una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Foggia Rita Curci su richiesta dei pm Giuseppe Gatti e Domenico Minardi. Entrambi gli arrestati sono accusati di corruzione, falso e truffa ai danni dell'Inps.
Prencipe è anche assessore al Bilancio del comune di Torremaggiore per il Nuovo Psi.

L'operazione della Guardia di Finanza di San Severo è stata avviata il 22 settembre dello scorso anno quando si scoprì una vera e propria organizzazione dedita alle truffe all'Inps per un ammontare di oltre cinque milioni di euro. L'indagine coordinata dai sostituti procuratori del Tribunale di Foggia Giuseppe Gatti e Domenico Minardi, è partita proprio dopo le dichiarazioni di una delle persone arrestate a settembre: Giuseppe Nesta, presidente del Consiglio Comunale di Torremaggiore e impiegato nel patronato Italuil. Nesta agli investigatori ha raccontato che Prencipe -che con la moglie, gestiva anche un ufficio di consulenza e patronato a Torremaggiore, intestato però ai figli - era a conoscenza dell'esistenza delle quattro aziende fittizie e che aveva chiesto 20mila euro per evitare i controlli su quelle aziende; richiesta poi scesa a 10mila euro. Secondo quanto raccontato agli investigatori Nesta ogni fine anno si recava nel patronato del direttore dell'Inps di San Severo a consegnare la somma pattuita per omettere i controlli.
Una collaborazione che sarebbe terminata, nel gennaio del 2004, quando si sarebbero rotti alcuni equilibri politici e cioè, in particolare, quando al figlio di Prencipe (del tutto estraneo alla vicenda giudiziaria) gli sarebbe stata revocata la delega di assessore al comune di Torremaggiore. Un evento che il direttore dell'Inps avrebbe attribuito a Nesta e per questo avrebbe deciso di vendicarsi, nel febbraio successivo, dando in pratica il via all'inchiesta di settembre denunciando la situazione anomala di un lavoratore di una delle quattro aziende agricole fittizie. Tutto il racconto di Nesta è stato vagliato e confermato da una serie di riscontri da parte della Guardia di Finanza di San Severo, sia documentali che testimoniali.
L'indagine del settembre del 2005 ha scoperto una vera e propria organizzazione che con l'aiuto di persone all'interno di strutture pubbliche - i patronati e il Centro Territoriale per l'impiego - e di quattro aziende agricole fittizie riuscivano ad iscrivere, grazie anche alle false dichiarazioni trimestrali di manodopera delle presunte attività agricole, i falsi braccianti negli elenchi dell'Inps, per ottenere l'indennità di disoccupazione, di malattia, maternità e anche gli assegni per il nucleo familiare. Con la conclusione dell'inchiesta di oggi si capisce come mai l'Inps di San Severo non aveva mai fatto controlli su quelle aziende.

INPS: NOMINATO NUOVO DIRETTORE SEDE S.SEVERO
Biagio Barrasso, responsabile dell'Area Vigilanza dell'Inps di Foggia, è il nuovo direttore ad interim dell'Agenzia di San Severo. Lo rende noto la Direzione regionale dell'istituto.
«In conseguenza dei provvedimenti restrittivi, da parte della Guardia di Finanza, nei confronti del responsabile dell'Agenzia di San Severo, Salvatore Prencipe - è detto in un comunicato - il direttore regionale, al fine di dare continuità all'operatività dell'agenzia stessa, ha conferito, con effetto immediato, l'incarico ad interim a Biagio Barrasso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione