Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 17:28

Fosse granarie del XIV sec. nel Brindisino

Le fosse, in tutto quattro, secondo gli archeologi, rappresentano una testimonianza dell'antica cultura e tradizione agraria del territorio di Torre Santa Susanna
TORRE SANTA SUSANNA (BRINDISI) - Quattro grandi fosse granarie risalenti alla seconda metà del secolo XIV, scavate direttamente nella roccia, sono venute alla luce durante lavori di ripavimentazione della piazza antistante il vecchio Municipio a Torre Santa Susanna. Le fosse erano adibite - secondo gli archeologi - alla conservazione del grano e di altri alimenti e rappresentano una testimonianza dell'antica cultura agraria del territorio torrese. La scoperta è stata comunicata alla Soprintendenza per i beni archeologici e ambientali che ha disposto un sopralluogo per valutare le possibili compatibilità tra il progetto di ripavimentazione e riqualificazione di piazza Umberto I e il ritrovamento delle fosse ma soprattutto per le eventuali azioni di valorizzazione di queste ultime.
«E' stato convenuto - ha dichiarato l'assessore alla Cultura, Tiberio Saccomanno - che una delle quattro fosse granarie sia visibile attraverso un cristallo e un'opportuna illuminazione artificiale a testimonianza e memoria delle nostre tradizioni e della nostra storia. Le altre tre, invece, saranno coperte ma segnalate con una mattonella di diverso colore affinchè i cittadini sappiano che in corrispondenza dell'indicazione vi è un insediamento archeologico del tutto uguale a quello visibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione