Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 21:50

Gestione rifiuti Puglia nell'ordinario

Lo ha annunciato il presidente della Regione Puglia e commissario straordinario per l'emergenza ambientale dei rifiuti, Nichi Vendola • Rifiuti - Nel Foggiano 9 arrestati
BARI - Una cabina di regià accompagnerà da oggi il percorso che porterà la Regione Puglia a rientrare nell' ordinario dal punto di vista della gestione del ciclo dei rifiuti. Lo ha annunciato il presidente della Regione Puglia e commissario straordinario per l'emergenza ambientale dei rifiuti, Nichi Vendola, che ha incontrato i vertici delle Province pugliesi, Ato (autorità territoriale ottimale), Anci (Associazione Comuni), Arpa (agenzia regionale ambientale) e assessorato regionale all' ecologia. Il termine del commissariamento (ha confermato Vendola (rimane quello del 31 gennaio 2007: «da quel momento (ha aggiunto Vendola - io non sarò più commissario straordinario per l' emergenza rifiuti».
«E l'obiettivo storico che abbiamo tutti quanti - ha proseguito - è quello di chiudere l'emergenza dal punto di vista del governo del ciclo e di non entrare in emergenza dal punto di vista della realtà. Abbiamo tutti nelle nostre pupille le sequenze angoscianti di quello che accade in Campania». «Siccome deleghe, competenze, e funzioni saranno trasferite ad altri attori e innanzitutto alle Province noi da oggi, mettendo in piedi questa cabina di regia che sarà una struttura prevalentemente tecnica ma che mensilmente avrà un punto di verifica politico, - ha precisato ancora il presidente della Regione Puglia - facciamo camminare quel lavoro che serve ad amalgamare le tecnostrutture dei vari attori in modo tale che nel momento del passaggio delle consegne non ci siano effetti traumatici o soluzioni di continuità che possano determinare condizioni caotiche». «L'obiettivo, quello che condividiamo con il territorio pugliese, - ha aggiunto - è quello di insistere sull'idea che i rifiuti che oggi sono un problema e talvolta una tragedia possano effettivamente diventare una risorsa, una risorsa ambientale, perchè una corretta politica dei rifiuti significa salvaguardare valori ambientali fondamentali e un valore anche economico perchè i rifiuti possono essere una risorsa economica importante». «Questi (ha sostenuto Vendola - sono gli elementi su cui c'è un accordo che prescinde completamente dai conflitti della politica e mi pare che su questo terreno, della buona volontà di tutti, dell'Ato, delle Province, dei Comuni, delle agenzie preposte alla salvaguardia ambientale, su questa base ci siano le condizioni per vivere questi sei mesi, che sono importantissimi, come mesi costruttivi per segnare positivamente il futuro della Puglia».
Nel corso della riunione, oltre ad un calendario operativo, sono stati individuati i tecnici di Province, Ato, Anci e Arpa per il rilevamento della situazione degli impianti di trattamento e smaltimento, produzione combustibile da rifiuti e raccolta differenziata. A fine luglio si terrà una riunione plenaria con i rappresentanti istituzionali per una prima verifica. nel corso dell'incontro è stata discussa anche la possibilità di trasformare gli Ato da semplici associazioni a enti con valore giuridico. Su questa questione sarà convocato un tavolo tecnico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione