Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:41

Il teatro è di casa in Puglia

Presentata la prossima stagione organizzata dal Teatro Pubblico pugliese. Tra gli altri Orsini, Milva, Angela Pagano, Miglietta, Orlando e Aldo Giovanni e Giacomo
BARI - Umberto Orsini con Strindberg, Milva che ripropone il Brecht di Strehler, Licia Miglietta con Berger, Silvio Orlando diretto da Armando Pugliese in Questi fantasmi di De Filippo, Nino D'Angelo e Angela Pagano in Zingari di Viviani: sono alcuni dei 18 titoli proposti dal cartellone promosso dal Comune di Bari e organizzato dal Teatro Pubblico pugliese. La stagione è stata presentata stamattina.
La «vitalità è il comune denominatore che ha guidato le nostre scelte», ha detto l'assessore comunale alla Cultura, Nicola Laforgia ed ha aggiunto «rifiutando un'idea museale del teatro, abbiamo cercato di cogliere le esperienze artistiche che ci sono sembrate più capaci di stare nel presente, di rappresentare le nostre ansie e i nostri desideri».
L'assessore ha quindi elencato gli altri titoli: Kohlhaas di Marco Baliani, Migliore con Valerio Mastrandrea, Mishelle di Sant'Oliva con Emma Dante, Urlo con Pippo Del Bono, Disco Pigs con Valter Malosti.

«La nuova stagione del Piccinni - ha aggiunto - sarà una festa e abbiamo pensato di offrirle un prologo: un appuntamento popolarissimo e leggero con l'intelligente furia satirica di Aldo, Giovanni e Giacomo (12 ottobre)». Il cartellone è completato da una serie di appuntamenti con compagnie teatrali e attori pugliesi, tra le quali Koreja, Il cerchio di gesso, e una nuova edizione di Casa di bambola, nel centenario della nascita di Ibsen, interpretata da Lunetta Savino con la regia di Leo Muscato. Quest'ultimo lavoro è stato presentato da Franco Perrelli, docente nell' Università di Torino.
«La stagione 2005-2006 si è chiusa in modo lusinghiero, con un numero altissimo di spettatori - ha aggiunto il presidente del Teatro Pubblico Pugliese Carmelo Grassi - che ci ha spronato nell'allestimento di questo cartellone, l'ottavo da quando il Teatro Piccinni si è riaperto».
«Accanto ad alcune contingenze negative, come i tagli previsti dalla finanziaria che costringeranno ad una riduzione dell'attività - ha continuato Grassi - vanno segnalati alcuni elementi estremamente positivi come l'adesione della Regione Puglia che entra a far parte del Teatro Pubblico insieme agli altri 54 soci, l'impegno e la collaborazione delle compagnie pugliesi e la presenza di tanti giovani attori pugliesi». Per incentivare ancora di più l'afflusso del pubblico, Grassi ha concluso sottolineando che vi saranno abbonamenti estremamente vantaggiosi per i ragazzi: sotto i 10 euro a spettacolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione