Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 23:58

«Quella mamma è troppo distaccata»

Il parroco della parrocchia di appartenenza dei due fratelli di Gravina scomparsi, lancia qualche sospetto sulla madre di Francesco e Salvatore. «Speriamo di ritrovarli»
GRAVINA IN PUGLIA (BARI) - «Per me bisogna indagare sulla mamma. Questa donna è gelida, fredda, distaccata. E' come se questa cosa l'avesse studiata e realizzata». Ha pochi dubbi, don Michele Paternoster, il parroco della chiesa di San Matteo, che Francesco e Salvatore Pappalardi, i due fratellini di 13 e 11 anni, scomparsi da Gravina in Puglia dal 5 giugno scorso, frequentavano assai raramente.
«Le piste sono due - afferma il parroco - o è stata la malavita o la loro mamma perchè il papà li aveva già in affidamento e non avrebbe avuto alcun vantaggio a sottrarre i due ragazzini. Tuttavia, non mi risulta che a Gravina la malavita possa realizzare progetti di questo tipo».
«Credo - aggiunge - che bisognerebbe fare ciò che il vescovo ha annunciato ieri, quando si è offerto di fare da mediatore per rintracciare i due fratellini. Ritengo che sia gli investigatori sia la magistratura debbano dire che non ci saranno conseguenze penali pesanti nei confronti di chi ha sottratto i due ragazzini e che la legge sarà interpretata in modo benevolo».
Don Michele ha precisato che i fratellini non frequentavano la sua parrocchia: «Li ho visti passare solo qualche volta - ha detto - il piccolo lo ricordo, il grande no. La mamma non l'ho mai vista e non me la sento di esprimere giudizi, il padre so solo che è un grande lavoratore». «Spero - ha concluso - che questi ragazzini vengano recuperati e restituiti presto alla società civile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione