Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 20:50

Puglia candidata come polo eolico

Il 30 giugno arriva la fine della moratoria per gli impianti del vento • L'energia eolica è di casa al Sud • Il vento italiano interessa i colossi stranieri. Il ruolo di Vestas a Taranto
energia eolicaROMA - La Puglia candidata a diventare un vero e proprio polo di eccellenza per l'energia eolica. E il 30 giugno arriva anche la fine della moratoria per gli impianti del vento. Lo afferma la Vestas Italia, la società la Società Italiana del gruppo Vestas, responsabile del mercato italiano per vendita, installazione, messa in servizio e manutenzione di parchi eolici, con sede a Taranto.

E in vista della scadenza della fine di giugno, la Vestas ha realizzato un rapporto sottolineando la crescita, le ricadute economiche per la Regione e per l'Italia e gli obiettivi dell'industria eolica.
Oltre al buono stato di salute del settore, rileva la Vestas Italia «segnali positivi - afferma nel rapporto l'azienda citando le parole dell'Assessore all'Ecologia della Regione Puglia, Michele Losappio - anche sul fronte delle autorizzazioni regionali. La moratoria per la costruzione di impianti eolici approvata l'anno scorso dal Consiglio Regionale della Puglia, che aveva messo in stand-by lo sviluppo dell'eolico in Puglia, non verrà reiterata alla sua scadenza, il 30 Giugno 2006».
«In Puglia - riferisce ancora la Vestas - sta nascendo un vero e proprio centro di eccellenza per la ricerca di base e applicata nel settore della tecnologia eolica, grazie alla collaborazione tra Vestas e il Politecnico di Bari, ormai avviata da anni, e di recente riconfermata. Obiettivo di questa duratura collaborazione è facilitare una osmosi tecnologica tra industria e Università - sottolinea l'azienda - attraverso la formazione di neolaureati e laurendi e che ha come visione la creazione di un polo di eccellenza per le energie rinnovabili».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione