Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 08:49

Amendola - Tornano "Le Streghe"

Ottavo raduno - nella base aerea di Foggia - degli "ex" che hanno prestato servizio nel 28° Gruppo dell'Aeronautica militare, inquadrato nel 32° Stormo. Il reparto opera in Iraq con il velivolo spia telecomandato "Predator"
Amendola - Le Streghe 28° Gruppo Aeronautica militare FOGGIA - Storia e ricordi questo pomeriggio alla base di Amendola, che ospita il 32° Stormo dell'Aeronautica militare italiana. Per l'ottava volta dagli anni Trenta, i militari che hanno prestato servizio nel 28° Gruppo, denominato "Le Streghe", si sono incontrati nella base militare foggiana. Attualmente il gruppo è parte integrante del 32° Stormo dell'Aeronautica Militare con l'importante compito di operare con i velivoli «Predator», i velivoli spia telecomandati e senza pilota a bordo. Uav Predator

Questo pomeriggio oltre al comandante della base di Amendola, il colonnello Maurizio Epifani, e all'attuale comandante del 28° Gruppo, il tenente colonnello Vincenzo Sicuso, c'erano molti ufficiali, sottufficiali e avieri che nel corso degli anni hanno prestato servizio sotto le insegne delle "Streghe".

Costituito a Lonate Pozzolo il 1° gennaio 1931 il 28° Gruppo alla fine del 1935 è stato schierato in Africa Orientale per la guerra contro l'Etiopia, dove ha svolto un'intensa attività operativa fino all'ottobre 1936 dalle basi di Assab e Gura.

Durante la seconda guerra mondiale mentre una parte del personale e dei velivoli continua nelle operazioni in Africa, l'altra è stato impiegato nelle operazioni contro le forze francesi in Corsica, passando poi ad operazioni aeronavali contro i britannici dalle basi di Villacidro, Alghero e Decimomannu.
Trasferito in Africa Settentrionale dall'aprile 1941, il Gruppo ha operato dalle basi di Castel Benito, Berka, Misurata, Matuba e Barce fino al dicembre 1941, quando è rientrato in Italia sulla base di Perugia.

Trasferito in Italia meridionale, il Gruppo è tornato ad operare contro gli Alleati dalle basi di Palermo, Chinisia, Gela, Castelvetrano e Manduria, per trasferirsi nel giugno 1943 a Bologna, dove viene sciolto dopo l'Armistizio dell'8 settembre.

Ricostituito il 15 luglio 1944 a Lecce , il 28° Gruppo ha operato contro i tedeschi fino alla fine del conflitto. Dopo la seconda guerra mondiale viene trasferito in molte basi della penisola per giungere a Foggia 1° febbraio 2005.

Dal 14 gennaio 2005 il 28° Gruppo è rischierato presso la base aerea irachena di Tallil, nell'ambito dell'operazione "Antica Babilonia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione