Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:40

Sanità - Ora anche in Puglia la Tac coronarica

L'apparecchio che consente di esaminare senza mezzi invasivi le arterie coronariche, è operativo nell'ospedale privato accreditato Santa Maria di Bari (unico nel meridione)
BARI - Anche la Puglia dispone ora di un apparecchio per la Tomografia computerizzata a 64 slices che consente di esaminare senza mezzi invasivi le arterie coronariche permettendo di diagnosticare la coronaropatia e prevenire l'infarto del miocardio. L'apparecchio, che è operativo nell'ospedale privato accreditato Santa Maria di Bari - è detto in una nota - è l'unico nel meridione dei dieci già operativi in Italia.
La coronaropatia - è detto - è oggi la forma di cardiopatia più diffusa in Europa e costituisce la principale causa di decesso a livello mondiale. Si stima che in Italia si verificano circa 80.000 nuovi eventi coronarici in soggetti di età compresa fra i 25 e gli 84 anni con predilezione degli uomini sulle donne (2 a 1). La conseguenza più estrema dell'occlusione delle arterie coronariche è l'infarto del miocardio responsabile del 31% dei decessi per malattie cardiovascolari nei paesi industrializzati.
«La coronaro-TC - spiega Antonio Di Palma, responsabile del Dipartimento di diagnostica per immagini della Santa Maria - se effettuata con apparecchi di ultima generazione rappresenta oggi il metodo più innovativo, meno invasivo e più veloce per lo studio ed il controllo di pazienti coronaropatici». «Le nuove apparecchiature TC 64 slices - afferma ancora - sono infatti in grado di fornire immagini delle arterie coronarie con una straordinaria velocità di analisi (200 immagini al secondo) tali da consentire una affidabilità diagnostica di altissimo livello». «La velocità di acquisizione dei dati - conclude la nota - riduce inoltre, rispetto alle precedenti tecnologie, i tempi di esposizione del paziente ai raggi x».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione