Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 16:10

Il Salento per l'Africa

Dedicato al martoriato continente nero l'edizione 2006 del festival «Negroamaro», la rassegna delle culture migranti che si svolgerà nel Salento dal 15 giugno al 28 agosto
BARI - Aderendo alla campagna dell'Unesco 'Alleanza globale per la diversità culturalè, la Provincia di Lecce ha deciso di dedicare all'Africa, l'edizione 2006 del festival «Negroamaro», la rassegna delle culture migranti che si svolgerà nel Salento dal 15 giugno al 28 agosto.
«C'è una nuova Africa che avanza un po' in tutti i campi - spiegano gli organizzatori - nuove generazioni che hanno abbandonato l'idea panafricana, che ha dominato il dibattito politico per molti anni e che cerca nuove formule di sviluppo per dare una vera speranza ad un continente dove vi è più sofferenza che in qualsiasi altro luogo della terra». Così Negroamaro 2006 si propone di essere la grande vetrinà delle proposte più avanzate della produzione culturale ed artistica dell'Africa sub-sahariana: dal Senegal al Mali, dal Burkina Faso alla Repubblica Centroafricana.

La rassegna sarà inaugurata il 15 giugno - a Galatina, con un incontro sul tema «L'Africa verso il social forum di Nairobi 2007» al quale parteciperà anche il sindaco di Nairobi - e si concluderà il 28 agosto.
Il festival si articolerà in tre segmenti, musica, teatro e cinema, la cui direzione artistica sarà affidata ad artisti africani.
La sezione dedicata alla musica, organizzata in collaborazione con l'associazione 'Time Zones', sarà diretta da Lokua Kanza, il chitarrista, compositore, arrangiatore, autore e produttore, nato nel 1958 a Bukavu, nell'attuale Repubblica del Congo, che si esibirà il 7 luglio in Piazza Aldo Moro a Maglie.
Questa sezione proporrà la musica che, attraverso tutti i suoi generi e le sue diversità, in Africa è l'arte che da sempre registra tutti i movimenti e tutte le novità. Che sia tradizione orale, griot, che sia ritmo primordiale o cadenza ossessiva di percussioni ancestrali, molta della storia dell'Africa è scritta in musica. Il programma prevede, tra gli altri, la partecipazione della senegalese Julia Sarr (2 luglio a Acaya), dei congolesi Tambours De Brazza (14 luglio a Lecce), del nigeriano Femi Kuti (21 luglio a Galatina) e dell'ivoriana Dobet Gnaorè (30 luglio a Diso). I due ospiti più importanti di questo segmento saranno Cesaria Evora (13 luglio) e Youssou N'Dour (15 luglio) che si esibiranno nell'atrio di Palazzo dei Celestini a Lecce.

La sezione dedicata al Cinema sarà diretta dal produttore Toussaint Tiendrebeogo e si svolgerà dal 18 al 22 luglio (con un'anteprima il 17). In particolare - è detto nella nota - a Galatone si svolgerà la terza edizione di 'Cinema del reale', una festa di cinema dedicata agli autori e alle opere cinematografiche e video che offrono descrizioni e interpretazioni personali e singolari delle realtà passate e presenti nel mondo e rivelano generi documentari differenti: film sperimentali, film-saggio, diari personali, film di famiglia, grandi reportage, inchieste storiche, narrazioni classiche, racconti frammentari.
La sezione dedicata al teatro sarà curata dal senegalese Mandiaye N'Diaye e si svolgerà dal 30 giugno al 9 luglio nel castello di Corigliano d'Otranto. Tra l'altro saranno presentati gli spettacoli 'Leebu Noor ak Nawet' (tratto dal Pluto di Aristofane, con la riscrittura in lingua Wolof e con la partecipazione di alcuni abitanti di un villaggio senegalese), e 'Un narratore Tuareg' dell'autore/attore algerino Tahar Lamri. Il regista Gianni Celati presenterà in anteprima il film 'Passer la vie a Diol Kadd' realizzato in Senegal. E' previsto inoltre un laboratorio teatrale sulla 'Tecnica narrativa dei Griot senegalesi'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione