Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 08:15

Minori: a Foggia tre vittime della violenza

Una 13enne costretta dal fidanzatino ad avere rapporti sessuali con altri ragazzi. Una ragazzina con un padre «orco». E, infine, un 17enne fuggito da casa per «salvarsi» e divenuto «carnefice»
FOGGIA - Tre storie di violenze, abusi sessuali e maltrattamenti su minori in provincia di Foggia: le hanno scoperte gli agenti dell'Ufficio Minori della Questura che hanno deciso di divulgare le notizie soltanto oggi per non turbare le vittime coinvolte e per evitare il reiterarsi di vicende come queste. Nel primo caso le vittime sono alcune ragazzine e in particolare una di 13 anni, della provincia di Foggia che è stata costretta, anche con violenza, dal suo fidanzatino a subire e compiere atti sessuali con altri ragazzi. Alcune di queste scene venivano riprese con il videofonino e poi «passate» ad altri ragazzi per via digitale.
Un vero e proprio branco di minorenni che, grazie anche alle riprese, era in grado di imporre un clima di paura e di minacciare le vittime. La storia è venuta fuori dalla scuola frequentata dalle ragazzine dove si erano già diffuse alcune riprese. Nel corso delle indagini gli agenti dell'Ufficio Minori hanno appurato le responsabilità di 6 ragazzi minorenni: il magistrato, al termine dell'inchiesta ha emesso un collocamento in comunità penale per un ragazzo, 2 arresti domiciliari e prescrizioni.
La seconda vicenda è avvenuta all'interno delle mura domestiche, un luogo dove molto spesso risulta difficile far emergere vicende di abusi. Anche questa volta vittima è una minorenne di Foggia, vittima di continui maltrattamenti e umiliazioni subiti dai genitori e da uno zio.
Importante ancora il lavoro della scuola e degli insegnanti a cui la ragazzina ha chiesto aiuto. Nel corso delle indagini, il magistrato ha accertare la responsabilità del padre della ragazza, l'autore dei maltrattamenti, e non solo verbali, al limite dell'abuso arrestandolo. Arresti domiciliari, invece, per la madre che non avrebbe impedito l'atteggiamento del consorte e di uno zio della vittima. Inoltre il magistrato ha allontanato dall'ambiente familiare anche gli altri tre figli, di cui due molto piccoli, che assistevano a quanto accadeva all'interno della propria abitazione. La terza storia vede protagonista un minorenne che da vittima diventa carnefice. Un ragazzo di Foggia di 17 anni, dal febbraio scorso si era allontanato dalla sua abitazione perchè vittima di insulti e maltrattamenti dormendo in un cartone. E sarebbero stati proprio quelle violenze subite a renderlo protagonista di altrettante violenze e abusi sessuali a danni di altri minori.
L'autore è stato accompagnato in una comunità penale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione